Caffè cancerogeno? O c’è dell’altro che fa male al nostro corpo che non consociamo

Caffè cancerogeno? O c’è dell’altro che fa male al nostro corpo che non consociamo più dannoso della caffeina?

Sono state tante le ipotesi sulla bevibilità o meno della bevanda più diffusa al mondo: il caffè. Fa male o non fa male? Il caffè è cancerogeno o non lo è? Questa domanda ha d sempre risuonato nella testa delle persone, soprattutto dei grande bevitori della tazzina per eccellenza, ma certa nessuna risposta.

Caffè cancerogeno? O c’è dell’altro che fa male al nostro corpo che non consociamo01

Possiamo dire che il caffè fa male? Esistono delle sostanze che danneggiano il nostro organismo e lo mettono a rischio sotto alcuni punti di vista e vanno sicuramente eliminate o quantomeno ridotto il loro apporto. Come in tutte le cose, esagerare fa male.

Caffè cancerogeno?

Gli effetti del caffè sul nostro organismo sono stati studiati da molti, e tra questi gli esperti della commissione IARC, l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro dell’Organizzazione mondiale della Sanità che hanno condotto una revisione dettagliata di più di 500 studi sugli effetti rivelando che non ci sono evidenze scientifiche per considerare il caffè cancerogeno smentendo ciò che fu detto nel 1991 ovvero che il caffè era sospettato di un legame con il cancro alla vescica. Il caffè va bevuto, o meglio, si può bere, ma non bisogna esagerare, anzi, piccole dosi sarebbero addirittura benefiche perchè nello studio è stata trovata una relazione tra il consumo di caffè e alcuni tipi di cancro, come quello al fegato, al seno e all’endometrio, segno che in alcuni casi, l’assunzione moderata di caffè potrebbe avere persino un effetto protettivo.

Correre con l'allerta caldo: si può fare ma solo così

Attenzione alle temperature. L’agenzia ha anche analizzato la documentazione relativa al mate, una bevanda a infusione consumata calda in Sud America, dove l’incidenza di tumori all’esofago e al cavo orale è più alta che nel resto del mondo. Il mate on è cancerogeno, ma le alte temperature possono causare problemi come lesioni e infiammazioni al cavo orale e quindi essere collegate al rischio di tumori all’esofago.

Per questo motivo le bevande troppo calde sono inserite nella categoria dei “probabilmente cancerogeni”. Attenzione perciò anche a come viene servito il tè. In alcuni  paesi dell’asia minore è servito bollente e può far male, da noi no, le temperature sono più moderate. Per i paesi occidentali le bevande calde, come tè, caffè e cioccolata, vengono servite a temperature comprese tra i 71,1 e gli 85 °C, e che la temperatura preferita per il caffè è di 60 °C. La temperatura ottimale per evitare ustioni è di 57,8 °C.