Sei alto? Ecco cosa comporta per la tua salute

Sei alto? Ecco cosa comporta per la tua salute la tua statura e come influisce sul tuo benessere.

Se la nostra statura ha una certa conformazione, ciò implica lo stato di benessere del nostro organismo. Lo sapevate? Bene, la nostra salute è strettamente correlata a quanto siamo alti. Alcuni studi hanno dimostrato che salute ed altezza sono direttamente proporzionali.

Sei alto? Ecco cosa comporta per la tua salute

Ma quali sono le problematiche a cui un soggetto alto può andare incontro? E quali sono le motivazioni scientifiche fornite al riguardo? Certamente se la correlazione a altezza e salute è stata comprovata, sicuramente un soggetto alto rispetto ad un soggetto basso avrà delle caratteristiche differenti in materia di benessere fisico.

Sei alto? Ecco cosa comporta per la tua salute

lo studio effettuato ha scoperto che i soggetti che sono più alti possono essere soggetti a maggiori neuropatie periferiche e malattie della pelle, a differenza dei soggetti che hanno una statura più piccola che invece dovranno fare attenzione con colesterolo e problemi cardiologici. La ricerca, ad opera del ricercatore e docente di medicina negli Stati Uniti Sridharan Raghavan, è derivata da una ricerca del Rocky Mountain Regional VA Medical Center di Aurora, Colorado dove sono stati valutati i dati di circa 250 mila individui di etnie differenti.

Mascherine basta obbligo in strada, ma per evitare sanzioni la dovete sempre avere con voi, ecco perchè

Si è scoperto, infatti, che l’altezza può recare maggiori rischi di fibrillazione atriale e vene varicose a differenza delle persone più basse incorrono più spesso in malattie coronariche, pressione alta e colesterolo. La ricerca ha anche messo in evidenza che gli individui di maggior statura possono andare incontro a neuropatia periferica, conseguenza di danni ai nervi delle estremità, e a infezioni delle ossa e della cute come le ulcere. Raghavan ha dichiarato che: “Abbiamo prove che l’altezza negli adulti può avere impatto su 100 tratti clinici. Concludiamo dunque che può essere fattore di rischio non modificabile per diverse condizioni di salute”