Trigliceridi alti: le cause e i rimedi da conoscere. Cosa bisogna sapere.

I trigliceridi sono grassi o lipidi che si trovano nell’organismo umano e negli alimenti. Il loro nome viene dal fatto che sono formati dall’unione di una molecola di glicerolo e di tre acidi grassi. I trigliceridi si distinguono a seconda della loro lunghezza, acidi grassi a catena lunga, media e corta, e della presenza di doppi legami oppure no, acidi grassi saturi, monoinsaturi e polinsaturi.

Questi grassi costituiscono la riserva energetica dell’organismo e si trovano nel tessuto adiposo. Un livello troppo alto di trigliceridi è dannoso per il corpo umano e spesso è segnale della presenza di alcune patologie.

LEGGI ANCHE: ANALISI DEL SANGUE, COME LEGGERLE CORRETTAMENTE

Trigliceridi alti: le cause e i rimedi da conoscere

trigliceridi alti

Il livello dei trigliceridi nell’organismo si misura con un semplice esame del sangue. Solitamente, il medico prescrive un profilo lipidico che consiste nell’analisi dei colesterolo totale, trigliceridi, e colesterolo HDL e colesterolo LDL e VLDL.

Quando il valore va dai 200 ai 499 milligrammi per decilitro (mg/dl) i trigliceridi sono alti, quando è superiore ai 500 milligrammi per decilitro sono molto alti., sopra i 1000 mg/dl sono considerati estremi. In questi casi, si parla di ipertrigliceridemia. Un fenomeno che è incluso nelle dislipidemie, che riguardano tutte le alterazioni della componente lipidica del sangue (incluso il colesterolo alto).

I livelli elevati di trigliceridi possono dipendere da cause congenite, come mutazioni genetiche che provocano una eccessiva produzione di questi grassi. Più spesso sono dovuti a uno stile di vista scorretto con alimentazione ipercalorica e soprattutto eccessivo consumo di grassi saturi, a cui si unisce una vita sedentaria.

Il diabete di tipo 2 è una causa molto comune di ipertrigliceridemia, ma anche l’abuso di alcol, le patologie del fegato, il fumo di sigaretta e l’utilizzo di alcuni farmaci possono alzare i livelli di trigliceridi.

Sintomi e cure

Normalmente, i trigliceridi alti non danno sintomi, non subito almeno. Agiscono silenziosamente nel sangue fino a dare dei disturbi quando il problema è conclamato. Con il tempo possono provocare ingrossamento del fegato e della milza, pancratite acuta, formicolio agli arti e perdita della sensibilità, problemi respiratori, coronaropatie, aterosclerosi prematura e ictus.

Data la gravità di queste conseguenze, si comprende come sia importante intervenire subito, appena le analisi del sangue segnalano un livello troppo elevato di trigliceridi.

Il primo rimedio è quello di correggere subito le abitudini: mettersi a dieta, eliminando gli alimenti troppo calorici, gli zuccheri e quelli ricchi di grassi saturi, eliminare l’alcol, possibilmente anche smettere di fumare e fare attività fisica. Nei pazienti diabetici va tenuta sotto controllo la glicemia.

Anche l’assunzione di acidi grassi insaturi omega-3 è utile ad abbassare il livello di trigliceridi.

Quando il problema è più grave e la ipertrigliceridemia è accompagnata da problemi cardiovascolari, allora servirà un trattamento a base di farmaci prescritti dal medico.

LEGGI ANCHE: GRUPPO SANGUIGNO 0, PERCHÉ È IMPORTANTE

trigliceridi alti