Scuola senza DAD da settembre, ecco come si procederà

Sono in molti a chiedersi come si procederà con la scuola senza DAD a settembre. Ecco tutte le novità relative al rientro in classe.

Con l’inizio di Settembre ci si appresta a tornare in classe e di conseguenza ci si chiede come sarà regolata la vita in classe. A tal proposito, mediante una circolare Stefano Versari ha voluto fare chiarezza riguardo alle modalità con cui sarà regolato l’anno scolastico 2022/23 ora che si potrà tornare a scuola senza DAD.

Scuola senza DAD da settembre, ecco come si procederà

Di seguito vi forniamo tutte le informazioni necessarie riguardo alle nuove disposizioni mese in campo per contrastare l’emergenza sanitaria. Si tratta di novità che segnano un importante cambiamento dopo i due anni di restrizioni volti a contrastare in maniera efficace la circolazione del virus.

Scuola senza DAD: ecco le novità di settembre

Scuola senza DAD da settembre, ecco come si procederà

In virtù della diminuzione progressiva dei casi di infezione da covid, il Ministero dell’Istruzione ha fatto sapere che a livello normativo non possono essere introdotte misure di contrasto al Covid. Di conseguenza, il ricorso alla DAD non sarà contemplato nel corso del prossimo anno scolastico. L’obiettivo piuttosto sarà quello di attuare una serie di regole più stringenti nel caso in cui la curva epidemiologica dovesse subire un’evoluzione e dunque il covid dovesse cominciare a circolare con maggiore diffusione.

In caso contrario, si dovrà dire addio alle misure di contenimento come, ad esempio, la ginnastica soltanto all’aperto e il distanziamento per evitare il contatto. In ogni caso, il Ministero dell’Istruzione suggerisce di lasciare arieggiare frequentemente i locali scolastici e dunque, se possibile di mantenere sempre aperte le finestre aperte.

In presenza di sintomi tipici della malattia generata dal covid è necessario sottoporsi ad un tampone positivo per restare a casa e di conseguenza il rientro in classe può avvenire soltanto dopo esito negativo del test. Tali regole, peraltro, saranno applicate a tutti i tipi di scuola, dagli asili nido sino anche alle superiori. La volontà delle autorità è quella di preservare la salute del personale scolastico e degli studenti ma senza che questo comporti una limitazione della vita in classe. Alla luce di questo, l’anno scolastico che sta per iniziare dovrebbe risultare di gran lunga più sereno di quelli che si sono trascorsi negli ultimi due anni.