Amazon, fa azioni legali a chi sta provando a truffarlo, dove succede

Amazon pronto a intraprendere delle serie azioni legali contro delle truffe che in questi ultimi tempi sono state messe in atto contro il portale di ecommers. Ecco cosa sta succedendo.

Nel corso degli ultimi anni abbiamo avuto modo di vedere come sia cambiato notevolmente l’approccio allo shopping online e anche alle vendite in vari portali, qui dove Amazon ha dimostrato di essere un vero e proprio leader settore. Eppure, durante le ultime settimane una notizia sconvolgente ha davvero fatto il giro del web, riguardante una truffa che ha davvero dell’incredibile.

Amazon truffa azioni legali - NonSapeviChe

La vittima della truffa in questione non è un utente, o un gruppo di utenti, ma la stessa piattaforma di vendita… ovvero “mamma” Amazon.

Truffa ai danni di Amazon

A tenere banco nel mondo del web troviamo la truffa che ha travolto inesorabilmente Amazon in varie nazioni del mondo. In particolar modo, sembrerebbe che molti utenti attraverso una fitta rete di contatti nata sui social network abbiano costruito un’alleanza che gli avrebbe permesso di veder migliorare in modo significativo la loro posizione su Amazon.

Amazon truffa azioni legali - NonSapeviChe

Una collaborazione che nasce da uno scambio libero di commenti sulla piattaforma e recensioni a 5 stelle che, spesso, non rappresentano la realità dei fatti. Una falsa pubblicità che ha messo in seria discussione l’operato di Amazon nei confronti del cliente che, differentemente da come succedeva in passato, non può più credere ai feedback lasciati tra i commenti, costretto a chiedersi se si tratta di qualcosa di veritiero oppure no.

Amazon minaccia azioni legali

Sono numerose le nazioni travolte dell’azione Amazon Production Review, dato che dal quartier generale si minacciano ingenti azioni legali che hanno il compito di scoraggiare il comportamento da parte di questo tipo di utenti.

Amazon truffa azioni legali - NonSapeviChe

A rompere il silenzio e spiegare cosa succederà nei prossimi mesi è stata Dharmesh Mehta, vicepresidente Selling Partner Services di Amazon: “I nostri team bloccano milioni di recensioni sospette prima che vengano viste dai clienti e questa azione legale rappresenta un ulteriore passo avanti per smascherare i colpevoli che operano sui social media. L’azione legale proattiva contro i malintenzionati è uno dei tanti modi in cui proteggiamo i clienti, individuando questi soggetti come responsabili di attività illecite”.