Ventre piatto anche in vacanza, ecco gli esercizi da fare in acqua

Ventre piatto anche in vacanza, ecco gli esercizi da fare in acqua per restare in forma anche al mare.

Un anno in palestra oppure a praticare un qualsiasi altro tipo di attività fisica. Un anno che abbiamo sudato e allenato in nostro corpo, quasi come se stessimo rinunciando alle cose che ci piacciono ogni singolo giorno. Bene, oggi fermo restando che praticare lo sport in modo san è alla bade del benessere, possiamo pensare di mantenere il ventre piatto e quindi di restare in forma anche standocene in vacanza.

Andiamo al mare ed in piscina svolgiamo determinati esercizi per mantenere la giusta forma fisica. Sono esercizi semplici che non ci affaticheranno e non dovremo sacrificarci anche in vacanza. mangiate e sgarri inevitabili a parte, ecco una serie di esercizi da tenere ben presente per mantenere il ventre piatto.

Ventre piatto anche in vacanza

Questi che stiamo per descrivervi sono i modi per mantenere il ventre piatto in modo assolutamente divertente e senza richiedere impegni particolari per noi. Innanzitutto fa bene camminare in acqua del mare (un po’ alta), o lungo la riva, oppure ancora, percorrendo tutto il bagnasciuga. Quali sono i benefici? Rassoda gambe, addominali e glutei e non carica la schiena. Posiamo eseguire questo movimento anche con l’acqua fin sotto le ascelle e saltellando dove in uno finiamo con le gambe larghe, con quello successivo le chiudiamo.

Muscolo in vista, ventre piatto, e perdita di peso con interval training si può

Altro esercizio, con l’acqua all’altezza dell’inguine, potremmo fare delle sforbiciate con le mani ai fianchi e facciamo un salto portando una gamba in avanti e l’altra, contemporaneamente, indietro. Questo esercizio dovrà essere fatto per 15 volte. Anche saltare in acqua fa bene e tonifica tutto il corpo. Giù fino a far arrivare l’acqua all’altezza della vita, poi saltiamo più in alto che possiamo per ritornare in posizione eretta.

Ripetiamo per dieci volte. Ultimo, la corsa sul posto sempre in acqua, sollevando le ginocchia più in alto che si può, facendo fare loro attrito con l’acqua. Ripetizioni 20 per due serie, riposando tra l’una e l’altra 30 secondi circa.