Con il caldo mangiare melone e cocomero ha i suoi pro e i suoi contro: l’elenco di benefici e controindicazioni. Attenzione a non esagerare

Melone e cocomero, o anguria, sono sicuramente tra i frutti più amati dell’estate. Fraschi, dolci…sono davvero perfetti per uno snack nei caldi pomeriggi estivi. Piacciono a grandi e bambini.

Con il caldo mangiare melone e cocomero ha i suoi pro e i suoi contro: l'elenco di benefici e controindicazioni

Hanno simili proprietà. Sono infatti ricche di vitamine e minerali. Questo perché appartengono alla stessa famiglia, quella delle  cucurbitacee. Per questo hanno proprietà nutrizionali in comune. Tanto per iniziare sono entrambi ricchi d’acqua, ma non solo.

Melone e Anguria, ricchi di proprietà nutritive e benefici, ma attenzione a non esagerare

Con il caldo mangiare melone e cocomero ha i suoi pro e i suoi contro: l'elenco di benefici e controindicazioni 19062022 Nonsapeviche

Il melone è ricco di sali minerali. Ha un altro concentrato di potassio, più di qualsiasi alto frutto.  E’ quindi l’ideale dopo uno sforzo fisico per reidratarsi e ripristinare  l’equilibrio elettrolitico. Il potassio è inoltre utile per la salute del cuore. Contrasta infatti l’ipertensione.  Il melone è perfetto dopo un duro allenamento anche perché è ricco di ferro, e contrasta quindi i sintomi dell’anemia e l’affaticamento.  E’ poi benefico per vista e pelle, poiché è ricco di Vitamina A, e contiene anche Vitamina C, che aiuta invece il sistema immunitario. E’ un ottimo antiossidante. Contiene infatti licopene, che contrasta i radicali liberi e l’invecchiamento cellulare. Tra le sue proprietà c’è anche il betacarotene, che stimola la melanina, ed il calcio. Aiuta quindi la salute delle ossa.

Anche l’anguria ha proprietà simili. Contiene anche lei betacarotene, licopene, vitamine A e C e potassio. Essendo più ricca d’acqua e di fibre però ha un maggiore effetto diuretico. E’ inoltre meno calorica rispetto al melone. Contrasta quindi la ritenzione di liquidi e il gonfiore delle gambe.
Essendo entrambi molto ricchi di fibre, il consiglio è quello di consumarli lontani dal pasto principali. Sono dunque un perfetto spuntino. Se consumati a fine pasto possono fermentare e provocare gonfiore allo stomaco. I semi inoltre possono avere effetto lassativo.
Insomma, si tratta davvero di frutti ricchi di proprietà e perfetti per l’estate. Attenzione però a non esagerare. Anguria e melone devono essere mangiati nelle giuste quantità, soprattutto se si soffre di determinate patologie. Il melone tendenzialmente è adatto a tutti, anche se in alcuni casi e in grandi quantità può risultare pesanti da digerire, mentre l’anguria tende a creare acidità di stomaco e per questo non è particolarmente adatta a chi soffre di reflusso gastroesofageoTutto nella giusta misura, insomma.