Tutto pronto (o quasi) per l’erogazione del bonus da 200 euro… ma, attenzione, perché de dovesse mancare un piccolo tassello potrebbe saltare l’accredito dell’incentivo.

Il 2022 è un anno molto importante per tutti gli italiani che in queste settimane attendono l’erogazione di vari bonus che sono stati stabiliti a seconda delle esigenze e criteri di riferimento. Il bonus da 200 euro, invece, ben presto verrà accreditato direttamente sul conto di lavoratori dipendenti, pensionati e anche per coloro che rientrano in alcune eccezioni per i lavoratori autonomi.

Bonus 200 euro - NonSapeviche

A ogni modo, comunque sia, è necessario prestare moltissima attenzione alla documentazione da presentare o che è stata presentata, dato che in assenza di qualche piccolo dettaglio potrebbe venir meno l’accredito in questione. Ecco di cosa si tratta.

Bonus 200: a chi spetta davvero

Come abbiamo avuto modo di spiegare precedentemente, nel mirino dell’attenzione dei medi troviamo l’arrivo dell’imminente accredito del bonus di 200 euro per i lavoratori autonomi (solo in alcune eccezioni), per i dipendenti e i pensionari.

Si tratta, quindi di un accredito bancario che arriverà in automatico sul proprio conto corrente a tutti coloro che presentano le giuste condizioni reddituali, solo dopo aver provveduto a mandare tutti i documenti necessari che ne attestino la sussistenza.

Bonus 200 euro - NonSapeviche

Il bonifico salta se non presenti un documento importante

Secondo quanto reso noto anche dalla redazione de Il Sole 14 Ore, dunque, è bene ricordare a tutti i contribuenti italiani che aspettano di ricevere il bonifico in questione con l’accredito di 200 euro potrebbe non avvenire se non viene presentato un documento definito molto importante.

Bonus 200 euro - NonSapeviche

Per accedere al bonus che verrà erogato nel mese di luglio è necessario presentare un’autocertificazione che attesti che il lavoratore dichiari di non essere titolare di trattamento pensionistico o di Reddito di Cittadinanza. Comunicazione che se non venisse fatta nei tempi previsti dalla legge potrebbe rendere impossibile fare l’accesso al bonus e quindi ottenere l’accredito di 200 euro sul proprio il rid bancario.