Se sei stanca di pulire la lettiera del tuo gatto, c’é una soluzione davvero efficace che può aiutarti, le lettiere autopulenti, basta fare tanta fatica, ecco le migliori presenti in commercio.

Io adoro i gatti e gli animali in generale, averli in casa é una gioia, ma bisogna prendersene cura in modo da non fargli mancare niente e soprattutto garantirgli un abiente pulito, non solo per loro, ma per tutta la famiglia. L’igiene si sa é la prima cosa, i gatti rispetto ai cani sono più auto efficienti, provvedono all’igiene personale e fanno i loro bisogni in un apposita lettiera che ovviamente va tenuta ben pulita.

lettiera giusta per il tuo gatto quale scegliere

Ma abbiamo una soluzione davvero brillante, se sei stanca di pulire la lettiera del tuo gatto, ci sono le lettiere autopulenti, lo sapevi? Ebbene si vi garantiscono l’assorbimento anche dei cattivi odori ed una soluzione soprattutto se si ha poco tempo a disposizione durante la giornata. Ce ne sono moltissime in commercio, ecco le migliori.

Tipi di lettiere

Ci sono lettiere differenti in commercio e come tale hanno anche una funzionalità differente. Il materiale che serve a trattenere i bisogni dell’animale é suddiviso in grana fine e grana grossa. In più sono composte da diverso materiale, possono essere più o meno costose, ovviamente più sono di basso costo e meno svolgono il loro dovere perfettamente.

Grana fine

La lettiera a grana fine viene in genere utilizzata per i gatti più piccoli, che hanno meno difficoltà a scavare ed é più morbida. Trattiene meno odori e va cambiata più spesso.

Grana grossa

La lettiera a grana grossa invece é più adatta per i gatti grandi e ha la facoltà di trattenere meglio gli odori, motivo per cui può essere cambiata a più distanza.

Lettiera agglomerante

La lettiera agglomerante è costituita da un materiale che deriva dall’argilla, quest’ultimo in pratica ha la facoltà di essere cambiato più raramente in quanto a contatto con i liquidi si trasforma in delle sfere che restano in superficie, in questo modo con apposita palettina si può eliminare la parte senza necessariamente svuotare tutta la lettiera. Molto efficace contro i cattivi odori e molto usata nelle lettiere autopulenti.

Lettiera non agglomerante

La lettiera non agglomerante deriva sempre dall’argilla, ma non forma sfere assorbenti a contatto con i liquidi e va chiaramente vuotata completamente e spesso.

Lettiera a cristalli di silicio

La lettiera con cristalli di silicio, ha un’elevata capacità di assorbimento, garantendo massima igiene e minimi odori. Ha costi molto elevati e molti veterinari lo sconsigliano, perché su alcuni gatti potrebbe provocare reazioni allergiche.

bisogni dei cuccioli

Cos’é la lettiera autopulente

In pratica la lettiera autopulente é una specie di elettrodomestico che, all’occorrenza, pulisce e disinfetta la sabbia in modo automatico. La pecca però di questa efficientissima lettiera é che non é sempre molto apprezzata dai gatti, ci vuole un pò di tempo per abituarsi al sistema di autopulizia. Il fatto che alcune parti si muovono per spostare la sabbia sporca, può far spaventare il micio e tende ad allontanarsi. Ha una sorta di palettina funzionante in genere a batteria, che sposta il materiale sporco raccogliendolo in una vaschetta sottostante, garantendo quindi sabbia pulita al micio e una casa priva di cattivi odori, soprattutto se passate molto tempo fuori casa e non uò essere sostituita spesso.

Queste vaschette autopulenti hanno la facoltà di poter essere programmate in modo da eliminare i bisogni dei vostri animali ogni 5 o 20 minuti dopo averla usata. Ce ne sono ovviamente di ogni tipo e costo, più o meno efficienti a secoda anche delle esigenze, alcune addirittura puliscono la sabbia lavandola ed igienizzandola a fondo automaticamente per poter essere riutilizzata.

lettiera perfetta per il tuo gatto

Insomma a voi la scelta, ma prestate sempre attezione alle esigenze del vostro amico a 4 zampe, le sue abitudini, paure ed esigenze vanno capite e rispettate e visto che come anticipato non sempre la lettiera autopulente e ben accetta, cercate di dargli del tempo per abituarsi e se proprio non riescono, optate per una classica.