Negli USA è in atto una nuova allerta relativa al vaccino anticovid. Ecco nello specifico qual è quello soggetto a limitazioni.

La Food and Drug Administration ha deciso di arrestare l’utilizzo del vaccino anticovid di una delle case produttrici. Si tratta di una decisione resa nota dall’ente governativo degli Stati Uniti alla quale spetta l’autorizzazione dei farmaci nonché dei prodotti alimentari. Tale divieto peraltro è stato rivolto ai soggetti adulti.

Vaccino anticovid è di nuovo allerta: ecco quale viene limitato negli USA

Ciò detto, scopriamo insieme qual è il vaccino che è stato sottoposto ad una battuta d’arresto e cerchiamo di capire soprattutto il perchè.

Vaccino anticovid allerta: ecco perchè stato sospeso

Vaccino anticovid è di nuovo allerta: ecco quale viene limitato negli USA

Il vaccino in questione è Johnson & Johnson per il quale sono sorti alcuni problemi relativi alla sua sicurezza. Questo di fatti è stato reso utilizzabile soltanto nei casi cosiddetti di emergenza. Ad ogni modo, il rischio in questione è legato al fatto che sono emersi una sessantina di casi di trombosi, disturbo della coagulazione del sangue. In particolare, l’incidenza di questi casi è stata maggiore nelle donne con età compresa tra i 30 e i 49 anni. Nello specifico, la FDA ha fatto sapere di aver monitorato l’insorgere dei predetti casi nelle persone che sono state sottoposte al vaccino in esame. L’azione messa in atto dunque non fa altro che sottolineare quanto il sistema volto a sorvegliare la sicurezza dei vaccini sia piuttosto efficace.

Ad ogni modo, va precisato che si tratta di un rischio estremamente basso. Basti pensare, infatti, che l’insorgere di trombosi ha riguardato soltanto tre casi per ogni milione di dosi somministrate. Ciò detto, relativamente ai sintomi che possono insorgere e che devono destare particolare allarme ci sono senz’altro, gonfiore alle gambe, dolore all’addome, mal di testa continuo come anche difficoltà di respiro. In alcuni casi, peraltro, potrebbero verificarsi anche delle eruzioni cutanee di colore rosso. Da quello che è emerso, infine, i predetti sintomi tendono ad insorgere a distanza di una settimana o due in seguito alla somministrazione del vaccino covid.