La fine dello Stato di Emergenza ha portato in sé numerosi cambiamenti per gli italiani in merito alla gestione della propria quotidianità e non solo. A tenere banco nei media troviamo anche i cambiamenti per le scuole in caso di contatto con positivo, o soggetto positivo prima di rientrare in classe.

Il primo giorno di aprile 2022 è da poco passato e gli italiani sono già alle prese con i numerosi cambiamenti arrivati dalla fine dello Stato di Emergenza da Covid-19, grazie al quale è stato reso possibile gestire l’emergenza sanitaria e garantire un’impennata significativa anche alla campagna vaccinale, raggiungendo il numero di percentualista per l’immunità di gregge e non solo. Ricordiamo, infatti, che con un Decreto Ministeriale, dopo l’esito positivo dei dovuti controlli è stato reso possibile vaccinare anche i bambini dai cinque anni in poi.

Test Covid scuola cosa cambia - NonSapeviChe

Quanto detto, non a caso, ha potuto garantire un netto cambiamento della gestione della quarantena e anche l’introduzione di significativi cambiamenti adesso che lo Stato di Emergenza si è ufficialmente concluso.

Cosa cambia a scuola in caso di positività?

È bene ricordare che, in caso di alunni positivi è sempre tenere bene in conto che la soglia minima per far scattare la didattica a distanza è quella di cinque alunni. Tale provvedimento non avrà più la durata di quindici giorni, bensì solo cinque essendo diminuiti i tempi previsti per la quarantena in caso di contatto con positivo.

Test Covid scuola cosa cambia - NonSapeviChe

Ad ogni modo, prima di rientrare in classe è sempre e comunque necessario un tampone di controllo che ne attesti la negatività al virus, risultando così nullaosta per tornare così in totale sicurezza.

Quale tampone serve per rientrare in classe?

Secondo quanto disposto dalle nuove norme in vigore, nel caso di contatto con positivo ed eventuale quarantena di cinque giorni è possibile effettuare anche un test antigienico a casa e quindi non necessariamente effettuato in un ente sanitario, centro analisi o farmacie.

Test Covid scuola cosa cambia - NonSapeviChe

In casi come questi, però, l’esito del tampone fatto in casa deve essere accompagnato da un’autocertificazione scritta dai genitori che si assumono la responsabilità del responso e del test da loro effettuato. Attraverso questo documento, dunque, il minore può essere reinserito in classe tranquillamente.