Devi sapere che se hai queste piante in casa e hai anche dei bambini è arrivato il momento di toglierle definitivamente. Tutte le informazioni utili.

Avere delle piante in casa, all’interno o sul balcone, abbellisce i nostri ambienti ed è anche fonte di ossigeno e frescura. Un giardino verde e ricco di piante protegge la casa dagli eccessi di calore e dà fresco in estate. Le piante sono rilassanti e fanno bene all’umore.

piante bambini

Non tutte le piante però fanno bene e non tutte possono essere tenute in casa o in giardino. Come saprete, infatti, esistono diverse piante tossiche e velenose che sono molto pericolose se avete bambini  e anche animali domestici in casa.

I bambini e gli animali potrebbero ingerirle accidentalmente e rimanere avvelenati, in alcuni casi anche con conseguenze molto gravi. Tra le piante velenose, alcune sono particolarmente insidiose perché sono molto belle a vedersi e potrebbero ingannare sembrando innocue.

Meglio dunque evitare di tenerle in casa, anche rinunciando all’estetica. Ecco quali piante dovreste togliere da casa o dal giardino se avete dei bambini.

Piante in casa e bambini: quali togliere definitivamente

Le piante da non tenere in casa o in giardino perché velenose e pericolose per i bambini.

Aconito. L’Acononitum è una pianta molto velenosa, lo dice il suo stesso nome che viene dal greco akòniton che significa appunto pianta velenosa. Ha fiori viola, blu e gialli molto belli e viene coltivata per finalità decorative oppure cresce spontanea in montagna. Proprio la sua bellezza può trarre in inganno. L’estratto delle sue radici può causare paralisi ai muscoli cardiaci fino alla morte. L’Aconito è conosciuto anche con i nomi di erba riga, radice del diavolo o strozzalupo.

LEGGI ANCHE: Versa l’aceto sulle piante e guarda cosa succede

Belladonna. L’Atropa belladonna è un’altra famosa pianta velenosa. Nella mitologia greca Atropo è il nome di una delle tre Moire, quella che taglia il filo della vita, provocando la morte. Un avvertimento che è già nel nome. Il nome Belladonna, invece, viene da una pratica di bellezza rinascimentale: le donne utilizzavano una specie di collirio ricavato dalle radici della pianta per dilatare le pupille e far sembrare lo sguardo più affascinante. La dilatazione delle pupille è causata dall’atropina, sostanza contenuta proprio in questa pianta e oggi usata per gli interventi chirurgici agli occhi. La Bella donna produce fiori di colore rosa e bacche nere. Non fatevi ingannare però dal suo aspetto. Le bacche sono molto velenose e se ingerite provocano vomito, palpitazioni, crampi e possono causare la morte.

LEGGI ANCHE: Le piante che fioriscono a febbraio e anticipano la primavera nelle nostre case

Oleandro. Il Nerium oleander è una pianta molto diffusa nei giardini di tante case. È molto bella e i suoi fiori bianchi o rosa sono molto profumati ma forse non tutti sanno che è anche molto velenosa. Tutte le parti dell’Oleandro sono tossiche, contengono oleandrina un glucoside che se ingerito può causare nausea e disturbi gastrici, aumento della frequenza respiratoria, bradicardia e disturbi al sistema nervoso fino alla morte. È estremamente pericoloso per l’uomo e per gli animali. Nei bambini può essere mortale anche l’ingestione di una sola foglia.

piante bambini