C’è un luogo del bagno dove i batteri si annidano silenziosamente, ecco qual è

Il luogo del bagno dove i batteri si annidano silenziosamente, ecco quale. Tutte le indicazioni utili.

Quando si tratta di igiene dei luoghi che frequentiamo tutti i giorni, non bisogna sottovalutare mai i rischi. Una pulizia regolare e approfondita è d’obbligo. Questo vale in particolare per il bagno, il luogo che usiamo per la nostra igiene personale e per la cura del corpo e dove più siamo esposti al rischio di infezioni batteriche.

bagno batteri

I batteri sono estremamente insidiosi, possono manifestarsi quando meno ce lo aspettiamo e proliferare con pericolose colone nei luoghi dove mai avremmo immaginato. Ecco perché la pulizia della casa con i prodotti adeguati è fondamentale. Soprattutto i luoghi umidi e caldi, come la cucina e il bagno.

Proprio il bagno è il luogo a maggior rischio di infezioni batteriche, per l’uso che ne facciamo quotidianamente. Ecco qual è il luogo del bagno dove più proliferano i batteri.

Il luogo del bagno dove si annidano i batteri

bagno batteri

Tra le attività di tutti i giorni in bagno, l’espletamento dei bisogni fisiologici e il lavaggio del corpo rilasciano numerosi germi e batteri, che possono restare sulle superfici o annidarsi negli scarichi.

Con la formazione delle colonie, i batteri che abbiamo espulso dal corpo potrebbero diventare molto pericolosi e infettarci. Nelle persone più fragili e con il sistema immunitario compromesso, le infezioni batteriche possono essere molto gravi, anche mortali.

LEGGI ANCHE: Il bagno è dove si nascondono i batteri più pericolosi, ecco quali sono

Sono soprattutto gli scarichi il luogo più pericoloso del bagno per la formazione di colonie di batteri. Qui, infatti, si depositano i residui organici, come cellule di pelle morta, capelli, feci, urina, secrezioni e altro materiale organico. Questo materiale si unisce al sapone e agli altri detergenti liquidi versati nello scarico formando il biofilm. Il biofilm è come una pellicola viscosa e resistente che si deposita nelle tubature di scarico fino a otturarle.

I residui organici, insieme ai detergenti e al biofilm possono ricoprire la superficie interna nella tubature, incollandosi a essa. Inoltre, tendono ad accumularsi nella curvatura delle tubature. In questo modo si crea una sorta di habitat dove proliferano i batteri. I microrganismi si moltiplicano e possono risalire dalle tubature, andando a contaminare i sanitari del bagno che tendiamo a usare con tranquillità, senza preoccuparci come faremo nei bagni pubblici. La situazione peggiora quando gli scarichi sono lenti, per la presenza di biofilm, o peggio si intasano.

Le infezioni batteriche da contaminazione del bagno possono causare malattie gravissime. Eco perché bisogna fare molta attenzione. Occorre tenere sempre il bagno pulito, con prodotti specifici, liberare e mantenere puliti gli scarichi. Anche l’uso della ventosa sturalavandini può aiutare a liberare una tubatura.

LEGGI ANCHE: Germi e batteri nel nostro quotidiano, dove resistono e perché fare molta attenzione

Questi consigli che valgono anche per gli scarichi della cucina, dove non andrebbero gettati residui di cibo. Infine, per una igiene ideale, versate ogni tanto negli scarichi aceto e acqua bollente.

bagno batteri