Misurare la pressione arteriosa a casa oggi è diventato semplicissimo. Attenzione però, potreste rilevare valori falsati. Ecco alcuni semplici trucchi per farlo correttamente.

Monitorare con costanza la propria pressione arteriosa è una buona pratica che consente di agire per tempo in caso di problematiche e consultare per tempo il medico qualora ci si dovesse rendere conto di avere valori fuori dagli standard ritenuti normali.

Per misurare la pressione fai da te, ecco cosa dovete fare per una corretta misurazione

Oggi farlo è estremamente semplice. Non c’è bisogno di andare per la misurazione ogni volta dal proprio dottore, ma basta avere in casa l’apposito macchinario analogico o digitale, che consentono di monitorarla anche da soli.

Attenzione però. I fattori che possono influire sui valori della pressione sono molteplici, ed è bene conoscerli per non correre il rischio di ottenere dei risultati poco attendibili.

Alcune semplici regole per misurare correttamente la pressione

Per misurare la pressione fai da te, ecco cosa dovete fare per una corretta misurazione

La pressione infatti varia in base agli orari e ai pasti. E’ bene quindi misurarla due volte al giorno, sempre negli stessi orari. Non è possibile monitorare attentamente l’andamento della pressione misurandola in orari diversi.

La prima regola è misurarla quando si è a riposo. Non si deve aver fatto forzi fisici o mangiato per almeno mezz’ora prima di misurarsi la pressione. Anche il fumo è un fattore che tende a fare alzare in modo importante i valori. Curiosità: persino misurare la pressione mentre si ha necessità di andare in bagno può falsare i risultati.

LEGGI ANCHE>>>Ronzio alle orecchie fastidioso: potresti avere la pressione troppo alta

Un’altra cosa importante al quale prestare attenzione è la postura da tenere nel momento nel quale si sta utilizzando il macchinario per rilevare i propri valori. La pressione va misurata comodamente seduti, con la schiena poggiata sulla sedia e i piedi che toccano il pavimento, e non penzoloni. Anche tenere le gambe incrociate può fare alzare i valori. La misurazione deve essere preferibilmente svolta stando in silenzio. Anche parlare può creare variazioni nei numeri ottenuti.

Elemento fondamentale è la posizione del braccio che viene utilizzato per misurare la pressione. E’ importante che il braccio sia comodamente poggiato su una superficie solida piana, più o meno sollevato all’altezza del cuore. Il bracciale deve essere posizionato su braccio scoperto. Misurare la pressione sopra i vestiti non fa ottenere valori attendibili.

LEGGI ANCHE>>>Anche la pressione bassa può essere una patologia, ecco quando accade

Basta una disattenzione, o prendere sotto gamba uno di questi accorgimenti, e i valori possono risultare ben 10-15 punti superiori a quanto siano nella realtà. Ecco perché è importante  conoscere queste semplici regole per poter monitorare correttamente la propria pressione.