La malattia del bacio: cosa sapere e cosa può provocare?

È importante conoscere i vari sintomi, le cause, i vari fattori e le cure per combattere e debellare al meglio la malattia del bacio! Ma di che si tratta e perché viene chiamata così?

La malattia del bacio o chiamata comunemente con il suo nome scientifico mononucleosi, è un tipo di malattia che di solito è possibile prendere facilmente mediante lo scambio di saliva, il contatto con oggetti sporchi e molto altro.

La malattia del bacio

Di solito viene chiamata anche la malattia degli innamorati, ma di solito questa tipologia di malattia non si limita alle coppie fidanzate, ma anche ai più piccoli o a chiunque da un età che varia dai 12 ai 40 anni, a volte esso colpisce anche bimbi appena nati.

Grazie a questa guida del tutto medica potrete conoscere i vari aspetti di questa malattia, ma soprattutto come curarla al meglio, grazie anche all’aiuto del vostro medico curante o  di uno specialista.

LEGGI ANCHE: Lo stress il male comune di oggi: i sintomi, le cause e le cure!

Sintomi e cause dovute alla malattia del bacio!

La malattia del bacio

Bisogna fare molta attenzione a questa malattia, per quanto possa risultare un semplice e banale virus è importante proteggere e controllare i vostri figli più piccoli, perché loro potrebbero avere seri problemi.

Infatti secondo alcuni studi condotti negli anni pare che ci siano molte più probabilità che un bimbo si ammali, rispetto ad un adulto. Di solito la mononucleosi si manifesta mediante la febbre, il raffreddore, il mal di gola o il rigonfiamento di linfonodi presenti nel corpo.

Mentre per i bimbi più piccoli la situazione è un po più delicata, in quanto potrebbero manifestare ostruzioni delle vie aeree, difficoltà acuta nella deglutizione, inappetenza e stanchezza continua.

Come già ribadito nel paragrafo precedente la mattia del bacio è un virus facilmente trasmissibile. Lo si può ottenere mediante degli oggetti sporchi e la poca cura dell’igiene delle mani, il contatto con bicchieri o posate utilizzate da una persona infetta o asintomatica.

È importante prendersi cura del proprio corpo se non si vuole andare incontro all’ingrossamento di vari organi quali il fegato o la milza. Varie patologie come l’epatite, l’anemia, meningite e altre malattie per nulla rassicuranti.

LEGGI ANCHE: Faringite: come diagnosticarla con i metodi fai da te

Come curarsi da questa malattia e quali consigli seguire!

Di solito la malattia del bacio o la mononucleosi è debellata dal proprio corpo nel giro di qualche settimana. Infatti di solito il virus è incubato nel proprio organismo per almeno 30-40 giorni. Prima di manifestarsi sotto forma di stati influenzali e molto altro ancora.

Inoltre non esiste una vera cura composta da un ciclo di farmaci e antibiotici. Piuttosto dopo aver esaminato e accertato che sia mononucleosi, si consiglia di attuare un’alimentazione ricca di frutta e verdura di stagione.

Non bisogna dimenticare le proteine, le fibre, ma soprattutto l’idratazione e il riposo. Nel giro di una settimana potrete finalmente tornare come nuovi e dire addio a questa brutta e antipatica malattia.

La malattia del bacio