Biodegradabile o compostabile? Ecco la differenza che non tutti sanno!

Siete davvero sicuri di conoscere la vera differenza e il significato della parola biodegradabile o compostabile? Ecco gli errori più comuni e cosa bisogna sapere!

Negli anni è diventato sempre più importante prendersi cura dell’ambiente dando una mano non solo per un senso civico e morale, ma anche perché sulla terra ci viviamo e quindi è giusto garantire alla nostra casa un trattamento migliore!

Biodegradabile o compostabile

Tutti nel loro piccolo salvano e proteggono l’ambiente gettando i rifiuti negli appositi contenitori. Oggi noi della redazione di Nonsapeviche vorremmo affrontare un discorso che spesso suscita delle incertezze.

È giusto conoscere la differenza fra i due termini all’apparenza molto simili, ma che comunque differiscono nettamente sotto certe aspetti. Non vi resta che continuare questa interessante guida e scoprire di cosa si tratta!

LEGGI ANCHE: Plastiche monouso vietate anche in Italia: le regole e le sanzioni

Differenza fra compostabile e biodegradabile!

Biodegradabile o compostabile

Per quanto entrambi i nomi rappresentano lo stesso argomento esiste una differenza molto significante fra loro. Infatti biodegradabile rappresenta un materiale in grado di decomporsi e degradarsi nel giro di pochissimi mesi e che possieda alcuni microorganismi come batteri, vermi e molti altri fattori.

Ogni materiale riciclato nel tempo si deteriora e degrada, ma molti ci impiegano moltissimo tempo che la plastica, che al suo interno contiene sostanze composte da materie prime inquinanti come il petrolio.

Quindi un prodotto biodegradabile è tale dal momento in cui il suo tempo di deterioramento non superi i 6 mesi e che sia decomposto del 90 percento. Ovviamente ciò viene stabilito dalla legge mediante una normativa europea.

Mentre per quanto riguarda il termine compostabile, esso non solo è biodegradabile, ma anche in grado di diventare compost essenziale per l’agricoltura. Anche in questo caso per definirsi un materiale compostabile esso dovrà decomporsi del 90 percento entro 3 mesi.

LEGGI ANCHE: Raccolta differenziata dei rifiuti in condominio: come va fatta

Errori che non bisogna commettere e consigli utili!

Bisogna fare molta attenzione quando si decide di riciclare i vari prodotti che si buttano quotidianamente in casa. Infatti è importante quando si va a fare la spesa di acquistare solo ed esclusivamente sacchetti biodegradabili o bioplastica.

Inoltre bisogna anche tenere conto del fatto che compostabile vuol dire biodegradabile, ma come abbiamo visto non si può dire lo stesso con il termine biodegradabile. Quindi i sacchetti della spesa dovranno essere gettati nella plastica e mai nell’umido.

Biodegradabile o compostabile