E’ ufficiale: dal 3 luglio l’Europa ha vietato la vendita e l’utilizzo delle plastiche monouso. Addio quindi a tutti quegli oggetti in plastica di uso quotidiano. Ma cosa si rischia? Scopriamolo. 

Il Parlamento Europeo per salvaguardare l’ambiente ha disposto il divieto di vendita e utilizzo di plastiche monouso: lo scopo è ridurre la plastica entro il 2030, arrivando ad uno smaltimento e riciclo della stessa pari al 90%. Oggi infatti solo il 30% della plastica viene riciclata, la maggior parte finisce in discarica, viene incenerita o, peggio, finisce nell’ambiente.

Le plastiche monouso sono le più difficili da riciclare e quindi le più inquinanti, e per questo motivo devono essere bandite.

Siamo infatti circondati dalla plastica, anche se non la vediamo: un esempio le microplastiche presenti ovunque e che addirittura ingeriamo soprattutto d’estate mangiando pesce. Le conseguenze negative sono sull’ambiente e quindi sulla salute umana. Le due questioni sono collegate, non dimentichiamolo!

Naturalmente questa rivoluzione necessaria non avverrà immediatamente ma è previsto un periodo di adeguamento. Scopriamo cosa accade e cosa accadrà in Italia.

LEGGI ANCHE: BOTTIGLIE DI PLASTICA DELL’ACQUA: COME VANNO CONSERVATE

No alle plastiche monouso: i prodotti vietati e le sanzioni

plastiche monouso in spiaggia

In Italia manca ancora il decreto che recepisce le indicazioni europee, che dovrebbe arrivare a ottobre. Nell’attesa i negozi che hanno in magazzino plastiche monouso possono venderle fino ad esaurimento delle scorte. Una volta terminate però non potranno più riacquistarle e venderle, pena pesanti sanzioni.

In alternativa i consumatori potranno acquistare oggetti in plastica 100% biodegradabile o prodotti monouso in legno o altre sostanze. Ciò richiederà sicuramente un adeguamento da parte del settore della plastica monouso che coinvolge circa 10 mila imprese con un fatturato che supera i 40 miliardi di euro.

LEGGI ANCHE: PIATTI DI PLASTICA: QUALI SONO I RISCHI PER LA SALUTE?

Prodotti da eliminare per sempre

Di seguito un elenco dei prodotti da eliminare (che per inciso rappresentano la maggior parte dei rifiuti che poi si ritrovano in mare):

  • cannucce di plastica
  • piatti e posate di plastica
  • bastoncini da cocktail
  • cotton fioc di plastica
  • bastoncini di plastica dei palloncini
  • contenitori per alimenti e bevande in polistirolo espanso.

Gli unici prodotti che al momento risulterebbero “salvi“, perché non inclusi nella direttiva, sono:

  • i bicchieri di plastica usa e getta,
  • i palloncini,
  • i guanti
  • le mascherine.

Circa le sanzioni, secondo quanto previsto nella bozza del decreto di recepimento della Direttiva UE, si prevedono multe dai 1000 ai 10 mila euro.

plastiche monouso spiaggia