Molti vestiti sono composti da tessuti irritanti capaci di scatenare forte prurito e la dermatite. Perché accade? Quali sono quelli da evitare e quali quelli consigliati?

La dermatite è una patologia che può colpire la pelle delicata e può essere causata anche dal contatto con determinati tessuti che compongono gli indumenti. Il contatto con certi vestiti può provocare un forte prurito che è difficile gestire e diversi problemi all’epidermide. Perché alcuni sono più irritanti di altri e quali sono questi tessuti?

Dermatite 2022'111 nonsapeviche.com

La dermatite da contatto è un’infiammazione della pelle scatenata da sostanze irritanti o da allergeni, che si manifesta attraverso diversi sintomi piuttosto fastidiosi e problematici come: gonfiore della parte interessata, prurito, arrossamento, secchezza della pelle. In genere è più normale soffrire di questi disturbi nella stagione estiva a causa dello sfregamento dei tessuti contro la pelle bagnata dal sudore. Ma perché certi tessuti sono irritanti e quali sono da evitare?

Dermatite da contatto, quali sono i tessuti da evitare

Dermatite da contatto 20220111 nonsapeviche.com
Dermatite da contatto

A scatenare le reazioni cutanee sono gli agenti chimici utilizzati nel trattamento delle fibre dei tessuti. Quelli maggiormente irritanti sono i sintetici come nylon, acrilico, poliammide, poliestere, elastan e polipropilene. Questo tipo di tessuti limita la normale traspirazione della pelle. Non solo il materiale che compone i vestiti può causare patologie, ma anche i coloranti a seguito di contatto prolungato sul corpo.

LEGGI ANCHE >>> Dermatite atopica: cos’è, come si riconosce e quali sono i rimedi naturali

Per questo, per evitare le problematiche correlate all’uso di indumenti impropri, bisogna valutare bene prima di tutto la provenienza dei capi, poiché ogni Paese adotta le sue leggi in quanto a materiali e sostanze lecite o illegali. La regolamentazione dell’Unione europea, ad esempio, è molto precisa e puntuale da questo punto di vista, ecco perché è consigliabile affidarsi ad articoli prodotti negli Stati membri all’interno dei confini dell’UE.

LEGGI ANCHE >>> Dermatite seborroica: cos’è e come si cura con i rimedi naturali

Dopodiché, nella scelta d’acquisto, dovete valutare quei capi creati con fibre naturali come sono il cotone, la seta, il lino e la canapa. Se non potete evitare i tessuti sintetici, non indossateli mai a diretto contatto con la pelle, prediligendo l’uso di magliette in tessuti naturali.