Le mascherine Ffp2 sono diventate obbligatorie; ecco quando si devono indossare e lo sapete che si possono anche detrarre?

Dal 25 dicembre 2021 a seguito dell’elevato numero di contagi è scattato l’obbligo di indossare le mascherine Ffp2 in alcuni luoghi pubblici. Si tratta di dispositivi di protezione ad alto potere di filtrazione che sembrerebbe in grado di impedire la trasmissione di virus e batteri alle persone vicine e all’ambiente.

Obbligo di mascherine

Al contrario poi di quelle chirurgiche impedisce anche a chi le indossa di potere essere infettato da persone o ambiente circostante. Da quando sono diventate obbligatorie, il loro costo è andato alle stelle, ma possono essere rimborsate, ecco come.

Ecco come detrare il costo delle tanto ambite mascherine

Obbligo di mascherine

Le mascherine Ffp2 sono obbligatorie, anche per chi ha la terza dose, sui mezzi di trasporto pubblici, al cinema, al teatro ed anche sale da concerto e musei. Ad oggi sembrano essere o introvabili o il loro prezzo è andato alle stelle raddoppiato se non triplicato. Anche sui grandi siti e-commerce, oltre che farmacie e supermercati, il prezzo supera anche i 5-7 euro a mascherina. Chi prima li acquistava ad un costo ragionevole adesso rischia di pagare davvero molto. Pensiamo a chi deve prende i mezzi di trasporto due volte al giorno. Potrebbero arrivare a pagare al mese anche 50-60 euro solo per acquistare le mascherine.

 

E’ stato annunciato che il prezzo verrà calmierato, ma sempre troppo alto considerando che possono essere usate solo per poche ore e poi devono essere smaltite.

C’è però, per così dire, una buona notizia. Il costo della spesa potrà essere detratto quando andremo a compilare la dichiarazione dei redditi andando a scaricare le spese sostenute per le mascherine FFp2, Ffp3 e anche quelle chirurgiche purché le stesse siano classificate come dispositivo medico.


LEGGI ANCHE: Da domani inizia la zona gialla in alcune regione, vediamo da quale partiamo


Per ottenere la detrazione si dovranno rispettare alcuni requisiti:

  • le mascherine dovranno essere certificate come dispositivo medico (DM) o dispositivo di protezione individuale (DPI);
  • lo scontrino fiscale dovrà riportare sia il codice fiscale del contribuente e sia l’indicazione del prodotto acquistato.

Dall’Agenzi delle Entrate fanno sapere: “per i dispositivi compresi nell’elenco allegato alla circolare n. 20/2011 è sufficiente conservare la sola documentazione dalla quale risulti che il prodotto acquistato ha la marcatura CE. Per i dispositivi medici non compresi nell’elenco, invece, per la detraibilità della spesa occorre che il dispositivo stesso riporti, oltre alla marcatura CE, anche la conformità alle direttive europee 93/42/CEE, 90/385/CEE e 98/79/CE”.


LEGGI ANCHE: Cambia tutto! La quarantena si azzera e il Green pass si estende


L’elenco è pubblicato sul sito del Ministero della Salute da consultare prima di acquistare le mascherine.

Obbligo di mascherine