Bonus edilizio al 110%: la novità che tutti aspettavano

Bonus edilizio al 110%: la novità che tutti aspettavano. Le informazioni utili.

I provvedimenti, contenuti nella legge di Bilancio, in corso di approvazione al Parlamento, contengono tante novità in fatto di bonus. Alcuni vengono prorogati, altri sono confermati ma con alcune modifiche. Uno dei più importanti e attesi è il Superbonus edilizio al 110%.

bonus edilizio 110%

Introdotto con il decreto legge Rilancio del 19 maggio 2020, il Superbonus edilizio al 110% ha l’obiettivo di  rendere più efficienti e sicure le abitazioni, con a lavori a costo zero per tutti i cittadini.

Il bonus edilizio è stato confermato nella legge di Bilancio anche per il prossimo anno, con una importante novità, rispetto alle iniziali previsioni di riforma, introdotta all’ultimo minuto con l’approvazione delle legge in commissione Bilancio al Senato. Ecco tutto quello che bisogna sapere.

LEGGI ANCHE: RISTRUTTURARE CASA CON IL SUPERBONUS 110%: COSA SI INTENDE PER VISTO DI CONFORMITÀ E ASSEVERAZIONE

Bonus edilizio al 110%: la novità, cosa succede ora

bonus edilizio 110%

La commissione Bilancio al Senato ha approvato un emendamento alla legge di Bilancio contenente la manovra economica che elimina il tetto Isee a 25mila euro per la concessione del Superbonus edilizio del 110% per la ristrutturazione delle villette.

È stato eliminato anche il limite che concedeva il bonus edilizio al 110% solo per la ristrutturazione della prima casa.

Il bonus edilizio al 110% è prorogato fino a dicembre 2022 per le abitazioni unifamiliari e le unità funzionalmente indipendenti con accesso autonomo a una condizione: che il 30% dei lavori sia stato effettuato entro giugno 2022.

L’emendamento elimina anche il limite per chi non aveva presentato la Cila entro settembre 2021 di poter ultimare i lavori entro dicembre 2022.

Inoltre, è stato allungato a dicembre 2023 il termine per gli interventi di edilizia cosiddetti “trainati”, che prevedono l’installazione di pannelli solari fotovoltaici e di colonnine per le ricariche delle auto elettriche. Il bonus edilizio per gli impianti fotovoltaici si applicherà fino a 48mila euro di spesa. Mentre per le colonnine di ricarica, la detrazione è fino a 2mila euro di spesa per le villette, 1.500 euro per condomini con massimo 8 colonnine e 1.200 euro per quelli che superano le 8 colonnine.

Molto importante, poi, è prevista una detrazione del 75% cedibile per l’abbattimento delle barriere architettoniche. Il bonus ristrutturazione si applica anche a Rsa e Onlus.

Infine, il decreto antifrode con gli obblighi di asseverazione non si applicherà ai lavori sotto i 10 mila euro.

LEGGI ANCHE: SUPERBONUS EDILIZIO, COSA SUCCEDE SE VENGONO SCOPERTI ILLECITI

bonus edilizio 110%