Purtroppo può capitare di avere una banconota rotta nel portafoglio, è senza valore o può essere ancora usata?

Prima o poi, tutti veniamo in possesso di una banconota rotta o strappata, che sia per colpa nostra o perchè l’abbiamo ricevuta in questo stato, può essere comunque un problema. Può infatti succedere di andare a fare la spesa al supermercato.

banconota rotta

Ma una volta arrivati in cassa, la cassiera dice di non poter accettare banconote rotte, stracciate o rovinate. Questa può essere una vera seccatura, anche se si tratta di banconote di piccolo taglio, come ad esempio i 5 euro.

Purtroppo però, quando capitano banconote ben più grandi non c’è niente da fare, la rabbia e la preoccupazione può arrivare alle stelle! A tutto però c’è rimedio, ecco infatti alcuni consigli per riuscire a recuperare una banconota strappata per fare le proprie compere come se non fosse successo niente!

LEGGI ANCHE: Banconota strappata perde un valore o possiamo riutilizzarla, ecco la verità

Banconota rotta? Ecco la soluzione!

banconota rotta

Come detto in precedenza, una banconota rotta può essere una bella gatta da pelare, ma state tranquilli! Perchè a tutto c’è una soluzione.

  • Banconota danneggiata: prima di correre ai ripari, è importante capire e riconoscere i danni ricevuti da una banconota. Se questa presenta un piccolo strappo, gli manca un lato o ha danni di piccola entità non dovreste preoccuparvi! Se invece vi ritrovate una banconota tagliata a metà, è possibile ripararla con una linea sottile di scotch trasparente ma attenzione! Perchè le due metà devono combaciare perfettamente ed essere una la metà dell’altra, altrimenti potrebbe far si che sembri una truffa, anche se fatto in buona fede. Se invece il danno è grave, al punto da avere grandi strappi in una o più zone, bisogna percorrere un’altra strada.
  • Cambiare i soldi in banca: per cambiare la propria banconota in banca bisognerà prima di tutto recarsi nell’istituto bancario e richiedere il cambio. La banca deciderà se è possibile cambiarla in merito a vari fattori. Se ad esempio la banconota è stata strappata a metà può essere sostituita, ma solo nel caso superi il 50% della sua forma originale. Se si esporrà una banconota di dimensioni inferiori a quelle dette in precedenza, bisognerà attestare con prove dimostrabili i motivi dietro tale danneggiamento.

L’esito della banca può essere positivo o negativo. Infatti è possibile che la banca accolga la richiesta credendo che il possessore della banconota sia in buona fede o il contrario se decide di non sostituirla. Inoltre se la banca non è sicura della decisione da intraprendere, spedirà la banconota da alcuni esperti scelti dall’Amministrazione Centrale, in modo da riuscire a stabilire il da farsi.

LEGGI ANCHE: Una banconota dal valore pazzesco, potresti possederla e non saperlo

banconota rotta