Per usucapione si intende una modalità di acquisto di una proprietà basata sul diritto di possesso continuato nel tempo. Ma come funziona per i terreni agricoli? Ecco i requisiti che bisogna soddisfare.

[caption id="attachment_34765" align="alignnone" width="1280"]Usucapione terreno agricolo Usucapione terreno agricolo[/caption]

L’usucapione regala il diritto, a una persona che gestisce un immobile per un certo periodo di tempo continuato e prolungato al posto del reale proprietario, di ricevere quello stesso bene in proprietà. Questa regola vale anche per i terreni agricoli, a cui vengono applicate normative specifiche e anche alcune eccezioni.

La prima è che il proprietario del terreno non deve essersene occupato per tutto il periodo di utilizzo, delegandone la cura a un’altra persona. Questa persona, dopo 20 anni può far valere il diritto di possesso del terreno in questione. Dunque, se una persona lavora un terreno agricolo per 20 anni consecutivi, può fare richiesta al tribunale di acquisire la proprietà per usucapione, facendo certificare la gestione svolta nel tempo.

LEGGI ANCHE >>> Vuoi comprare casa: ecco quanti anni devi risparmiare

Usucapione: conseguenze e casi d’eccezione

Usucapione di terreno agricolo
Usucapione di terreno agricolo

Non sempre il diritto all’usucapione di un terreno agricolo richiede la gestione continuata di 20 anni. in certe situazioni, come nel caso delle aree rurali, di anni ne bastano 15. Per gli immobili in montagna, inoltre, è necessario che il bene sia iscritto nel catasto rustico e che, quindi sia destinato all’attività agraria. I comuni montani adottano questo sconto del tempo di gestione per incrementare l’attività umana ed economica di aree potenzialmente a rischio di isolamento e di spopolamento. Un fenomeno che, soprattutto, nei passati decenni ha interessato buona parte delle zone rurali del nostro Paese.

Quando un terreno viene acquistato in usucapione, chi lo gestisce ne diviene proprietario a tutti gli effetti secondo la legge. Di conseguenza, il nuovo padrone dovrà anche prendersi carico della burocrazia annessa al terreno e delle tasse da versare per l’attività svolta e il possesso dei beni. Il vecchio proprietario non potrà fare altro che cedere tutti i diritti al nuovo padrone dell’immobile.

LEGGI ANCHE >>> Piante in balcone: come prepararle per l’inverno che arriva