Peperoncino, gli effetti collaterali che in molti ancora non conoscono

Piera Feduzi

Salute e Benessere

Il peperoncino è una spezia molto utilizzata in cucina anche in diverse ricette tipiche tradizionali. Spesso è il protagonista dei piatti e serve a dare quel tocco piccante che rende le pietanze perfette. Ha i suoi vantaggi, ma attenzione a mangiarne troppo perché può comportare degli effetti collaterali sull’organismo. 

Peperoncino effetti collaterali
Peperoncino effetti collaterali

Il peperoncino concorre a rendere piccante e a insaporire alcune pietanze, per questo è molto apprezzato in cucina. Non solo, sono diversi i benefici che apporta questa spezia, ma il problema restano sempre il bilanciamento e l’equilibrio del suo utilizzo. Metterne troppo nel cibo potrebbe comportare anche degli effetti collaterali affatto benefici per il nostro organismo.

La giusta dose di peperoncino può risultare addirittura salutare grazie alla presenza di capsaicina, principio attivo che favorisce la perdita di peso, poiché permette di bruciare i grassi e accelerare il metabolismo degli zuccheri. Non solo, questa spezia permette di contrastare alcune patologie cardiovascolari ed è un alleato contro i dolori muscolari, inoltre ha proprietà antibatteriche ideali per combattere i malanni stagionali.

LEGGI ANCHE >>> Nachos Messicani l’incredibile ricetta per farli buonissimi!

Cosa succede se si mangia troppo peperoncino

Effetti collaterali del peperoncino
Effetti collaterali del peperoncino

Il peperoncino, insomma, può essere un vero alleato della salute umana, ma se utilizzato in quantità esagerate può diventare dannoso. Ad esempio, può causare delle problematiche anche gravi all’apparato digerente, come l’ulcera gastrica a causa del suo potere irritante.

Non solo, secondo degli studi questa spezia può comportare anche disturbi a livello cognitivo, causando l’insorgenza della demenza senile. La ricerca condotta dall’Università del Qatar ha preso in esame un campione di circa 4mila adulti dai 55 anni in su, alle quali sono stati somministrati 50 grammi di peperoncino al giorno per un certo periodo di tempo.

Dallo studio è emerso che un’assunzione eccessiva di peperoncino nel tempo può causare la demenza senile, con la tendenza ad agire negativamente sul peso delle persone che sul loro sistema cognitivo.

LEGGI ANCHE >>> Cattive abitudine da abbandonare per contrastare l’invecchiamento

Gestione cookie