Non esiste niente al mondo di tanto sicuro e avvolgente come il nostro letto. Eppure, tra le lenzuola si nasce la minaccia di batteri potenzialmente pericolosi, ecco perché bisogna cambiarle spesso. Come si formano questi microrganismi?

[caption id="attachment_33192" align="alignnone" width="1280"]lenzuola Camera da letto[/caption]

Ognuno di noi ha l’immagine del proprio letto di casa come il posto più sicuro e fidato al mondo. Ma le lenzuola possono diventare una seria minaccia a causa della formazione di ospiti indesiderati che sono potenzialmente pericolosi.

Secondo gli esperti, infatti, queste andrebbero cambiate spesso, almeno ogni 7 giorni se non vogliamo che il letto diventi terreno di coltura di funghi e batteri. Questa teoria è stata sostenuta da Philip Tierno, microbiologo dell’Università di New York. Cosa accade, dunque, se ci dimentichiamo di sostituire le lenzuola?

LEGGI ANCHE >>> Germi e batteri nel nostro quotidiano: dove resistono e perché fare molta attenzione

Perché le lenzuola sono tanto pericolose?

lenzuola
Lenzuola

Una delle motivazioni per cui è bene cambiare spesso le lenzuola, è che annualmente produciamo in media 26 litri di sudore e l’umidità è l’ambiente ideale per la proliferazione di funghi. Uno studio ha rivelato che nei cuscini e nelle lenzuola dopo un anno e mezzo si possono nascondere fino a 17 tipi diversi di funghi.

I microbi che si trovano annidati tra le loro pieghe, però, sono principalmente prodotti dal nostro corpo, non solo tramite il sudore, ma anche attraverso l’epidermide, l’espettorazione, ossia i colpi di tosse e gli starnuti, e le secrezioni vaginali e anali. A questi, poi, si aggiungono i microbi che arrivano dall’esterno come i peli degli animali, il polline e gli acari della polvere.

Secondo alcuni studi, anche con i pigiami si ripropone lo stesso identico problema: anche questi andrebbero cambiati in media almeno ogni sette giorni assieme alle lenzuola, per evitare di dare vita a una colonia di germi e batteri che, se non rimossi, proliferano indisturbati nel nostro letto.

LEGGI ANCHE >>> E’ meglio dormire nudi o vestiti: ecco cosa svela uno studio