Top view of tired beautiful young woman with long hair sleeping on bed in bedroom

Secondo uno studio condotto da ricercatori inglesi, ci sono alcuni indumenti che possono inficiare la qualità del sonno. I ricercatori hanno stilato una classifica degli indumenti che peggiorano sensibilmente il sonno e la sua qualità. Scopriamo insieme di quali si tratta e se è meglio dormire nudi o vestiti.

Uno studio condotto da ricercatori inglesi ha voluto analizzare un campione di più di 2mila e cinquecento persone valutando quanto il modo in cui andavano a letto, se vestiti o nudi, sia in grado di influenzare la qualità del sonno.

Scopriamo cosa è emerso dall’indagine commissionata da thedozyowl.co.uk.

Dormire nudi o vestiti? La risposta da uno studio inglese

E' meglio dormire nudi o vestiti: ecco cosa svela uno studio

Prima di svelare il risultato emerso dall’indagine, va precisato che il riferimento utilizzato per stabilire la classifica sono è stato il tempo trascorso durante la fase REM.

Leggi anche: OGNI QUANTO CAMBIARE LE LENZUOLA E PERCHE’: I CONSIGLI

Ciò detto, il risultato emerso è che a dormire meglio erano coloro che andavano a dormire senza veli. Nello specifico, questi trascorrevano più del 26 per cento del sonno nella fase REM. A seguire, c’erano le persone in:

  • pantaloncini e maglia a maniche corte, con il 26%;
  • mutande/boxer, con il 25,5%;
  • mutande/boxer e maglia a maniche lunghe, con il 25%.

Ovviamente, soprattutto in estate, quando le temperature sono molto elevate, per molte persone è naturale decidere di dormire nudi, tuttavia, il problema può nascere in inverno.

Leggi anche: DORMIRE BENE PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA: CONSIGLI PRATICI

Le temperature molto basse, infatti, rendono piuttosto difficile la scelta di dormire senza veli. In questo caso, i ricercatori inglesi hanno stilato una classifica degli indumenti che maggiormente peggiorano il sonno, ecco quali:

  • camicia da notte a maniche corte, con il 23,5%;
  • camicia da notte a maniche lunghe, con il 20%.

Inaspettatamente, in fondo alla classifica, troviamo il pigiama con appena il 17 per cento. Le persone che hanno partecipato allo studio e che indossavano questo indumento, di fatti, sono state quelle che inaspettatamente hanno trascorso il minor tempo in fase REM.

E' meglio dormire nudi o vestiti: ecco cosa svela uno studio