Ecco tutta la verità su di un alimento molto usato in cucina, la margarina. Farà bene o farà male? I dettagli

Tra i grassi più utilizzati in cucina c’è di sicuro il burro, anche se in molti hanno imparato ad usare il fantastico olio extra vergine di oliva. Quest’ultimo è di sicuro più salutare, ma non adatto per alcune preparazioni.

Grassi da utilizzare in cucina

Il burro ha un eccesso di acidi grassi saturi che fanno male al nostro corpo e per questo motivo in molti lo sostituiscono con la margarina pensando che sia più sana, ma è d’avvero così? Scopriamolo.

Margarina: è meglio del burro?

Grassi da utilizzare in cucina

La margarina è un grasso alimentare costituito da una fasi lipidica ed una fase acquosa. Iniziamo dicendo ce in natura non si trova così, ma deriva da una miscela di oli vegetali lavorati tramite processi chimici. Gli oli più utilizzati sono girasole, soia, palma, cocco, arachidi. A volte vengono usati anche grassi animali nella miscela.


LEGGI ANCHE: Fare il burro in casa: i passaggi per non sbagliare


Quando gli oli vegetali vengono sottoposti a trasformazione chimica cambiano la loro struttura diventando i famosi acidi grassi trans molto nocivi per la nostra salute. una dieta ricca di grassi idrogenati trans aumenta i livelli di lipoproteine a bassa densità, il famoso LDL o colesterolo cattivo. In più diversi studi dimostrano che ci acidi grassi trans vadano non solo ad aumentare il colesterolo cattivo, ma anche a diminuire quello buono.

Inoltre di regola gli oli vegetali utilizzati in partenza sono spesso di bassa qualità e con un valore nutrizionale pari a zero.

La margarina che si trova in commercio è di colore giallo molto intenso un poco per assomigliare al burro. Non è il suo colore naturale, ma gli viene dato aggiungendo dei coloranti. Anche il gusto è dato dall’aggiunta di additivi chimici, che la rendono più appetibile al palato rispetto al suo sapore originale.


LEGGI ANCHE: La vera differenza tra il parmigiano reggiano e il grana padano


In termini nutrizionali, la margarina contiene 760 calorie per 100 grammi di prodotto e non ha colesterolo, ma, come detto prima, i suoi grassi idrogenati aumentano il livello di colesterolo LDL nel sangue. Molto spesso sulle confezione questo aspetto, l’assenza di colesterolo, viene messo in evidenza, ma si tratta solo di uno specchietto per attirare il consumatore inesperto.

Quindi in definitiva è meglio usarne sempre in quantità limitate e se possibile scegliere l’olio extra vergine di oliva.

Grassi da utilizzare in cucina