Purtroppo i rincari delle bollette sono diventati realtà e hanno colpito tutto il territorio: ecco quali sono le regioni più colpite.

Rincari bollette

Il caro bollette ha cominciato a pesare sulle tasche di tutti gli italiani già da un mese: l’aumento ha riguardato il prezzo dell’energia elettrica e del gas. Tuttavia questi rincari non hanno colpito tutto il nostro Paese allo stesso modo.

Ci sono, infatti, regioni più colpite dall’aumento dei prezzi e regioni meno colpite da questo fenomeno. Ma quali sono? Facciamo insieme un pò di chiarezza!

Rincari di bollette: quali sono le regioni più colpite

Rincari bollette

La spesa annuale per il consumo di gas nelle famiglie italiane è di circa 723 euro, anche se i consumi possono variare da Nord a Sud in base all’effettiva necessità. Volendo fare una stima, infatti, il consumo medio di gas è nel nostro Paese di circa 961 metri quadri.


LEGGI ANCHE: Bollette: finalmente arriva un risparmio certo per tutte le famiglie


Ci sono, però, delle eccezioni: in Piemonte e in Veneto se ne consumano di più, ad esempio, mentre in Sicilia ne sono necessari molti di meno. Di conseguenza, sono proprio le regioni che consumano di più a subire le stangate più alte dovute ai rincari delle bollette. 

Quali misure adottare

Sono le Regioni del Nord ad essere quelle più colpite dai rincari delle bollette: tra le possibili situazioni per calmierare i prezzi c’è anche la considerazione del passaggio al mercato libero. Con il servizio di maggior tutela, infatti, si controllerebbe di più il costo della materia prima.


LEGGI ANCHE: Bollette alte, imparare a leggerle per risparmiare meglio, solo una è la voce degli effettivi consumi!


Con il passaggio al mercato libero, infatti, ci sarebbe un risparmio per diverse Regioni: in Trentino Alto Adige, ad esempio, i consumatori risparmierebbero almeno 76 euro. 

Ovviamente, c’è anche da dire che il passaggio al mercato libero non comporta automaticamente una diminuzione dei prezzi, bisogna sempre far attenzione ai consumi!

Rincari bollette