Quanti di voi soffrono di palpebra cadente chiedendosi da dove deriva la causa e come risolverla in maniera definitiva?

La palpebra cadente o ptosi palpebrale è un fastidio che accomuna molte persone nel mondo. È l’abbassamento parziale o totale della palpebra superiore o inferiore. Di solito è una condizione genetica ereditaria che si ha fin dalla nascita.

È una condizione dovuta da molteplici cause come l’invecchiamento cellulare, la pelle e i muscoli intorno agli occhi perdono elasticità. Oppure può essere indice di disturbi abbastanza gravi come l’ambliopia: è l’occlusione e si presenta nei primi anni d’infanzia.

Invece nelle persone adulte può essere la causa di vari traumi, malattie muscolari, neurologichetumori nella cavità oculare. Se vi crea disagio è possibile sottoporsi a una correzione chirurgica, così da migliorare sia l’aspetto della zona che la vista.

LEGGI ANCHE: Gli occhi lo specchio dell’anima, come averli sempre al top senza lasciare intravedere la stanchezza!

Rimedi e cure efficaci per la palpebra cadente!

palpebra

Esistono dei rimedi naturali in grado di appianare, allenare i muscoli degli occhi ed esercizi in grado di ridurre la palpebra cadente. Uno dei consigli efficaci è quello di eseguire movimenti circolari con un cubetto di ghiaccio nella zona interessata per almeno 10 secondi.

È possibile eseguire questa operazione più volte al giorno se si vogliono maggiori benefici e risultati in tempi record. Il ghiaccio tenderà a tonificare i muscoli e la pelle in eccesso. Un altro consiglio è di riutilizzare le bustine di thè, una volta bevuta la tisana, adagiando le bustine ancora imbevute sugli occhi per almeno 15 minuti.

Il thè verde possiede notevoli benefici, ricco di antiossidanti, polifenoli e proprietà antinfiammatorie. Oltre al thè verde una valida alternativa è la camomilla, non vi resterà che mettete in infusione qualche fiore essiccato di camomilla in acqua bollente.

Infine sempre nella zona del contorno occhi e delle palpebre, imbevete dei dischetti in cotone con la soluzione, lasciando agire per almeno 20 minuti. Esistono anche degli esercizi facciali in grado di attenuare le rughe, svolgendo un lifting facciale del tutto naturale ed economico senza dover ricorre alla chirurgia estetica.

Se invece la situazione è parecchio seria è possibile ricorrere al botox, all’acido ialuronico o al laser a diodo correttivo. Ovviamente è meglio informarsi prima, chiedendo un consulto a un medico specializzato e competente nel campo.

LEGGI ANCHE: Truccare la palpebra cadente: consigli efficaci in poche mosse

palpebra