Geni non ci si nasce! È tutta un’altra storia. Ecco cosa bisogna sapere su intelligenza e talento.

Intelligenza e talento non sono sufficienti, per essere dei veri geni occorrono tanto studio, applicazione, duro lavoro ma anche tanta curiosità e voglia di imparare. Solo con l’impegno e con il desiderio di conoscere il mondo si può “diventare dei geni”.

Certo, il patrimonio genetico conta ma fino a un certo punto, secondo gli studi più recenti. Una parte importante la svolgiamo anche noi nello sviluppo della nostra mente e delle nostre capacità. Ecco cosa bisogna sapere.

LEGGI ANCHE: UN OTTIMO ANTI-STRESS E MIGLIORA L’UMORE, I SUI INCREDIBILI EFFETTI SUL CORPO

Geni non ci si nasce! È tutta un’altra storia

geni non si nasce

Il genio è composto dall’1% di talento e dal 99% di duro lavoro. Lo diceva Albert Einstein, il genio per eccellenza. Un’affermazione simile è anche di Thomas Edison, l’inventore della lampadina, che sosteneva che il genio fosse per l’1% ispirazione e per il 99% traspirazione, ovvero sudore e fatica.

Se lo hanno detto questi celeberrimi geni della storia c’è da crederci. Non basta l’intelligenza, il quoziente intellettivo o il talento, se questi doni di madre natura non vengono coltivati e sviluppati è inutile averli.

Studiare, tanto, applicarsi, faticare, mettersi di continuo in discussione ma anche avere un atteggiamento positivo, creativo e curioso verso il mondo, sono tutti aspetti fondamentali nello sviluppo della genialità. Dunque geni non si nasce ma si diventa!

Negli ultimi anni, diversi studi scientifici hanno stabilito che il genio in una persona è la combinazione di tanti elementi: abilità innate e talento, sicuramente, ma anche e soprattutto istruzione, studio, formazione di alto livello, esercizio continuo e tanto duro lavoro. Fondamentali sono anche l’atteggiamento che si ha verso la vita e il mondo, i comportamenti e le abitudini che si acquisiscono, gli obiettivi e le priorità che si decidono.

Per una persona più passano gli anni e meno contano le abitudini innate ma ciò che ha saputo costruire.

Massimo De Donno, fondatore di GenioNet e ideatore di Genio in 21 Giorni, il corso di formazione sul metodo di studio personalizzato, ha individuato tre pilastri per lo sviluppo, la crescita dell’intelligenza e della genialità:

  1. l’atteggiamento e l’insieme di convinzioni che ci possono spingere a migliorare;
  2. le tecniche e gli esercizi fondamentali per l’apprendimento;
  3. il metodo personalizzato di apprendimento.

Se ci si mette alla prova, si sfidano i propri limiti, si abbattono muri e ci si migliora costantemente, geni possiamo diventarlo un po’ tutti.

LEGGI ANCHE: SALUTE E TECNOLOGIA, COSA C’È DI VERO IN QUELLO CHE CI VIENE DETTO

geni non si nasce