I prebiotici e i probiotici non hanno gli stessi benefici: scopriamo insieme la differenza tra questi due importanti microrganismi.

I prebiotici e i probiotici sono dei microrganismi particolarmente importanti per il nostro intestino. La flora intestinale, o microbiota intestinale, infatti, è un insieme di batteri e microrganismi che si trovano nel nostro intestino e che garantiscono il corretto funzionamento nel nostro corpo.

La flora intestinale è in grado di influenzare il nostro sistema metabolico e anche il nostro sistema immunitario: per questo motivo è sempre bene mantenerlo in perfetto equilibrio.  La corretta presenza di probiotici e prebiotici, dunque, è particolarmente importante.

Andiamo più a fondo in questa questione e cerchiamo di capirci di più!

Probiotici e prebiotici: cosa sono e perchè sono diversi

Probiotici prebiotici

I probiotici sono dei microrganismi vivi che sono presenti all’interno del nostro intestino: troviamo, ad esempio, batteri e lieviti di entità e specie diverse. Questi microrganismi sono normalmente presenti nel nostro corpo e hanno la capacità di resistere all’azione digestiva e di aderire alle cellule intestinali.


LEGGI ANCHE: Prodotti da frigo pericolosi: il lato oscuro che nasconde questo alimento!


Essi sono utilissimi per proteggere l’apparato digerente quando ci sottopiano ad aggressive terapie farmacologiche ma possono aiutare anche chi soffre di intestino irritabile.

Essi si possono assumere attraverso gli yogurt o i cibi ricchi di fibre: ovviamente è sempre importante la previa raccomandazione del medico curante in quanto una sovrabbondanza di questo particolare microrganismo può produrre effetti indesiderati.

La differenza con i prebiotici

Al contratrio, invece, i prebiotici sono sostanze non digeribili dall’intestino la cui azione favorisce lo sviluppo e l’attività dei cosiddetti batteri buoni. Essi sono utili per la salute del sistema immunitatio e metabolico, ma anche per combattere gli effetti negativi egli antibiotici.


LEGGI ANCHE: Antibiotici: gli effetti collaterali da conoscere


Tuttavia, la loro grande particolarità è quella di attenuare gli effetti negativi che lo stress produce sul nostro organismo. Una loro assunzione seguita da un medico, dunque, può aiutare a migliorare la durata e la qualità del sonno.

Questo microrganismo, invece, si trova in alimenti come i cereali, i legumi, gli ortaggi come i carciofi, gli asparagi o le cipolle, ma anche un yogurt e alimenti fermentati.

Probiotici prebiotici