Assumere antibiotici è fondamentale per curare alcuni malanni e le infezioni nel nostro corpo: tuttavia, ci sono degli effetti collaterali più o meno comuni da conoscere.

Gli antibiotici sono una grande scoperta: in grado di sconfiggere i batteri patogeni hanno permesso di debellare tantissime malattie e infezioni una volta letali. Come tutti i farmaci, però, anche questi hanno degli effetti collaterali degni di nota.

Diarrea, nausea, arrossamenti: sono tutti riconducibili all’assunzione dei questo farmaco anche se, come tutti, questi sintomi variano da persona a persona.

Scopriamo quali sono gli effetti collaterali più importanti da conoscere.

Antibiotici: gli effetti collaterali degni di nota

Antibiotici effetti collaterali

Non è possibile stilare una lista di tutti gli effetti collaterali riconducibili agli antibiotici: questi, infatti, sono così diversi da persona a persona che molto spesso non si riesce nache a capire se sono cauati o meno dal farmaco.


LEGGI ANCHE: Antibiotici: i 3 errori gravi da evitare


I più comuni e degni di nota, però, sono ben riconoscibili: sono i pià frequenti riscontrati dal paziente durante o subito dopo un ciclo di terapia con queste medicine.

La candidosi

La candida è un’infezione che può colpire le mucose come quelle vaginali, della bocca o l’intestino. Essa parte da un fungo naturalmente presente nel nostro corpo e tenuto sotto controllo proprio da alcuni batteri: i lattobacilli.

Un ciclo abbastanza aggressivo di antibiotici può indebolire questo delicatissimo equilibrio e quindi la candidosi può prendere il sopravvento. Tra i suoi sintomi, soprattutto per quanto riguarda le parti intime, vi sono un intenso brurito e il bruciore.

Diarrea e problemi intestinali

La diarrea è uno degli effetti collaterali più comuni e riscontrati quando si assume questo tipo di medicina. Questo sintomo è dovuto dall’azione stessa dell’antibiotico perchè per eliminare i batteri nocivi, vengono danneggiati anche quelli buoni naturalmente presenti nell’intestino.


LEGGI ANCHE: Faringite: come diagnosticarla con i metodi fai da te


Questo sintomo così fastidioso, però, è solamente temporaneo e può essere neutralizzato con l’assunzione di fermenti lattici.

Acufene

Forse non tutti sanno che l’assunzione di antibiotici provoca un effetto che è definito acutossico. Ossia, la sua azione può causare disturbi all’udito che si palesano come fischi, ronzii e rumori persistenti.

Questi disturbi sono sempre transitori: se dovessero peristere non esistate a contattare il vostro medico di fiducia.

Antibiotici effetti collaterali