Una nuova scoperta scientifica afferma che la figura paterna gioca un ruolo fondamentale per la crescita del proprio o della propria figlia!

L’adolescenza è una fase della vita turbolenta per i figli, un periodo in un il ragazzo o la ragazza affrontano delle situazioni e stati d’animo differenti. Provocandogli/le spesso forte stress, cattivo umore e tristezza infinita.

Il compito del genitore è quello di capire il proprio figlio o la propria figlia assecondando spesso qualche malessere, cercando di capire nel profondo il voro motivo dell’angoscia.

I genitori svolgono un lavoro molto difficile, un lavoro fatto di pazienza, comprensione, amore, rispetto e libertà. In questa guida scoprirete come affrontare meglio le varie situazioni e come prendervi cura al meglio dei vostri figli e del rapporto che vi lega a loro!

LEGGI ANCHE:  Sesso e adolescenza: come parlarne senza paure timori e imbarazzo!

Ecco la nuova scoperta scientifica sul rapporto padre-figlia!

scoperta scientifica

L’adolescenza per i giovani è un fase in cui mettono in discussione ogni cosa nella loro vita. Uno dei fattori principali scoperto negli anni è la depressione precoce e può essere scatenata da molte variabili.

Come i cambiamenti emotivi, sociali, cognitivi, problemi di adattamento o bullismo. Come ribadito nel paragrafo precedente il ruolo del genitore gioca un ruolo fondamentale, specialmente per il padre. Alcuni studiosi tedeschi hanno deciso di prendere in esame più di 300 adolescenti da un età che varia dai 12 ai 20 anni.

Lo studio consisteva nel formulare loro varie domande personali. Le domande erano di tipo personale: l’intimità con i propri genitori, se raccontassero o meno i lori segreti o cosa li affliggeva.

Dallo studio sono emersi due intimità genitoriali differenti: l’intimità con la madre che si svolge durante la prima e la fase finale dell’adolescenza, dove vengono protetti e rincuorati su ciò che li preme. Mentre il rapporto con il padre essendo un po’ più complesso e meno presente rispetto al ruolo della madre, compare durante la seconda fase dell’adolescenza.

LEGGI ANCHE:  Disabilità e bambini: come affrontare l’argomento in maniera efficace

scoperta scientifica