Chiamati i moltissimi modi: friggitelli, peperoncini verdi dolci, friarielli, insomma come li volete chiamare l’importante e che non li confondiate con i broccoli o broccoletti di rapa.

Nella cucina napoletana vengono cucinati in molteplici modi e vengono accompagnati a moltissimi piatti sfiziosi e golosi. Facili da pulire, ma anche da cucinare, basta davvero poco! I friggitelli sono verdure tipiche del centro-meridione, cucinati specialmente in Campania, Abruzzo e Puglia.

Durante i mesi di luglio e agosto, si attende che maturino per bene prima di essere raccolti e fanno parte della famiglia degli ortaggi. Vengono proposti principalmente durante le tavolate estive e sono ottimi al sugo, accompagnati al couscous, ripieni e al forno, o per delle insalate miste fresche ma sazianti.

LEGGI ANCHE:  La frisella, il piatto clou dell’estate calda: le ricette più gustose

Come pulire e cucinare i friggitelli facilmente?

friggitelli

La tradizione vuole che i friggitelli vengano fritti interi con tutti i semi al suo interno, ma se non li preferite, grazie a questa guida potrete pulirli facilmente e prepararli come meglio credete. Se deciderete di cuocerli con olio bollente si consiglia l’olio extravergine d’oliva e prima di friggerli, per evitare fastidiosissimi schizzi, asciugateli bene con un canovaccio pulito.

Ingredienti:

  • 1 kilo di friggitelli;
  • Olio extra-vergine d’oliva;
  • sale q.b.;
  • tagliere e coltello.

Preparazione:

  1. Con un movimento come se steste arrotolando qualcosa, fatelo con i friggitelli sul tagliere in modo che dall’interno i semini vengano via della pareti.
  2. Rimuovete il picciolo con il coltello e battete sul tagliere la zona rimossa in modo che tutti i semi vengano via facilmente. Se vi risulta troppo complesso potete benissimamente incidere i friggitelli e rimuovere a mano i vari semi.
  3. Una volta lavati e asciugati con cura, immergeteli nell’olio caldo, a fuoco moderato per 20 minuti, girandoli di tanto in tanto.
  4. Una volta che risulteranno morbidi e quasi bruciacchiati, adagiateli in un contenitore con carta assorbente in modo da ridurre l’olio in eccesso. Infine disponeteli in un piatto salandoli.

LEGGI ANCHE:  Ricci di mare: come si prendono e come si mangiano

friggitelli