Dopo la sospensione del Cashback ecco che il Governo ha pensato di introdurre il bonus bancomat per incentivare l’uso degli strumenti di pagamento elettronici.

L’agevolazione è stata pensata per gli esercenti commerciali ed i professionisti che possono arrivare a ottenere fino a 480 euro. Il bonus bancomat fa parte del decreto Lavoro ed imprese. Serve per aiutare le partite Iva con la possibilità anche di poter dichiarare e detrarre l’imposta sulle commissioni e le spese sostenuto per dotarsi degli strumenti come il Pos.

Bonus bancomat: ecco a chi spetta e come funziona

[caption id="attachment_21104" align="alignnone" width="740"]Bonus dal Governo Bonus bancomat[/caption]

I beneficiari del bonus, come già detto, non saranno tutti i cittadini, ma solo gli esercenti e i professionisti. Il beneficio è previsto da due diverse agevolazioni, che possono essere sommate tra loro, fino a far ottenere un massimo di 480 euro a ogni soggetto beneficiario. Per ottenere il bonus bancomat, l’esercente deve raccogliere le fatture o gli scontrini dell’acquisto o del noleggio dei dispositivi elettronici che permettono il pagamento con la carta.


LEGGI ANCHE: Nuovo bonus auto: ecco cosa prevede il decreto Sostegni bis


Oltre ad avere degli incentivi per il noleggio o l’acquisto del Pos, l’esercente, in caso di pagamento elettronico ricevuto, si vedrà un aumento del credito d’imposta dal 30% al 100% per le commissioni a lui addebitate. Le transazioni devono essere maturate tra il 1/07/2021 ed il 30/06/2022. Ci sarà un rimborso massimo di 160 euro, ma se il pagamento avviene con i sistemi più evoluti del Pos allora si arriverà anche ai 320 euro.

Per chi si dota dei sistemi di pagamento elettronico ci sono delle fasce in base ai ricavi annui:

  • tra 1 e 5 milioni di euro: riceveranno il 10% dell’importo speso,
  • tra i 200mila e 1 milione di euro il 40% dell’importo speso,
  • sotto i 200mila euro il 70% dell’importo speso.

LEGGI ANCHE: Assegno unico e bonus bebè ad agosto 2021


Per chi si doterà di dispositivi più evoluti per le spese di acquisto/noleggio di strumenti di pagamento elettrici tecnologicamente evoluti, il rimborso spetterà:

  • al 70% per ricavi tra i 200mila e 1 milione di euro,
  • al 40% per ricavi tra 1 milione e 5 milioni.
Bonus dal Governo
Bonus bancomat