Podologo: quando rivolgersi e perché

Il podologo è una figura professionale a cui ci si può rivolgere in un’ampia serie di casi. Scopriamo insieme quali.

Il podologo si occupa di prevenire, curare e riabilitare i pazienti affetti da patologie podaliche, ossia relative ai piedi. Queste patologie possono riguardare pazienti in età infantile, adulta o, infine, geriatrica.

Molto spesso, è il medico di base a indirizzare il paziente verso questa figura professionale. Ad una prima visita, talvolta, ne possono seguire altre nel caso in cui la patologia riscontrata richieda trattamenti di natura periodica.

Podologo: cosa cura

Podologo: quando rivolgersi e perché

Lo specialista in esame si occupa di valutare eventuali infiammazioni dei piedi fornendo una terapia per eventuale dolore. Tra le varie patologie trattate ci sono:

  • tilomi plantari;
  • onicodistrofie;
  • onicopatie;
  • metatarsalgia;
  • piede piatto;
  • tallonite plantare,
  • alluce valgo.

La figura in esame interviene in maniera meccanica nel trattamento delle varie patologie, ciò significa che in caso di unghia incarnita, anziché prescrivere eventuali creme, agirà accorciando correttamente l’unghia in modo tale da evitare recidive.

Leggi anche: LA CURA MIRACOLOSA PE RLE UNGHIE, E NON SOLO, DA SEGUIRE DURANTE L’ESTATE

In riferimento agli strumenti utilizzati dalla figura in esame sono principalmente:

  • tronchesini;
  • lame monouso;
  • lime;
  • micromotori.

Quest’ultimi sono utilizzati per trattare unghie inspessite o talloni. In alcuni casi, si ricorre anche alla pedana baropodometrica.

Con quest’ultimo strumento, infatti, lo specialista mira a valutare le pressioni che i piedi esercitano sul terreno. La valutazione avviene facendo camminare il paziente su questa pedana che è in grado di individuare gli appoggi di tutti e due i piedi ad ogni passaggio.

Ad ogni modo, durante la prima visita il medico specialista è chiamato ad raccogliere tutte le informazioni relative al paziente e alla sua patologia. In genere, quindi, il paziente viene fatto sdraiare in modo tale da poter valutare agevolmente una serie di fattori come:

  • forma del piede;
  • deformità primarie.

Ciò detto, è chiaro che si tratta di una figura molto importante a cui è possibile rivolgersi per risolvere una vasta serie di patologie podaliche.

Leggi anche: COME RIMEDIARE ALLA PUZZA DEI PIEDI: CONSIGLI E SOLUZIONI

Podologo: quando rivolgersi e perché