Spesso il termine sincope, viene utilizzato abitualmente per indicare un forte mancamento, dovuto a uno svenimento improvviso e inaspettato. Questo tipo di disturbo può dipendere da diverse  cause e avere vari sintomi.

Il termine sincope in greco vuole significare spezzare o interrompere, ed è un concetto azzeccatissimo per questo disturbo e per come si manifesta.

La sincope è molto diffusa infatti secondo alcune statistiche mediche il 3% delle persone si reca in ospedale e il 30% della popolazione ne ha avuto a che fare almeno una volta nella vita, in particolare fra i giovani e le persone anziane.

LEGGI ANCHE:  Nevralgia del trigemino: le cause scatenanti e rimedi naturali più efficaci

Cos’è la sincope e che differenza c’è con la lipotimia?

lipotomia

Per sincope si intende la perdita di conoscenza che può essere passeggera, inaspettata e di breve durata. Non è un fatto grave, se non c’entra con l’attività cardiaca.

Si manifesta mediante un calo di pressione dovuto a una riduzione di sangue al cervello e prende il nome di ipoperfusione transitoria.

A differenza della sincope che comporta lo svenimento, la lipotimia rappresenta la sensazione antecedente allo svenimento stesso, che si può accompagnare a vari sintomi come:

  • debolezza, offuscamento delle vista e pallore;
  • eccessiva sudorazione fredda
  • nausea e vomito;
  • fischi alle orecchie;
  • difficoltà a stare in piedi;
  • dolore al torace e batticuore.

Quali sono le cause e i rischi?

cuore

La sincope può essere scaturita da varie cause e bisogna fare il massimo dello sforzo per individuare la fonte e capire se derivano dal cervello o dal cuore:

  • Sincope neuro mediata ( vaso vagale, seno carotidea, situazionale dovute alla mancanza di sangue al cervello);
  • Sincope ortostatica di origine cardiaca (aritmia o meccanica e si manifestano, in piedi). Questa tipologia di sincope se grave può provocare ischemia polmonare ,crisi epilettiche, ictus cerebrali e sanguinamento interno.
  • Sincope cerebrovascolare detto anche furto della succlavia.

La sincope può rivelarsi grave a livello celebrale: nel momento si ha un mancamento e quindi le varie conseguenze possono essere vari ematomi, fratture ed emorragie intracraniche.

LEGGI ANCHE:  Dolore al nervo sciatico: come farlo sparire con i rimedi naturali

 Qual è la diagnosi e che trattamenti bisogna fare?

Innanzitutto per stabilire una diagnosi, bisogna conoscere il quadro clinico del paziente, le circostanze della sincope e le testimonianze fisiche che ne accertano la veridicità. Grazie a una semplice visita dove viene controllata la pressione arteriosa, esame del sangue completo e la frequenza cardiaca.

Se da questi semplici esami non si riesce a capire, si può passare a esami più specifici come:

  • ECG o ECG dinamico secondo Holter;
  • Ecocardiogramma.

Dopo averne accertata la diagnosi occorrono le varie cure:

  • con l’esame ECG si può ricorrere all’impianto di pace-maker;
  • terapia antiaritmica;
  • trombosi polmonare;
  • infarto miocardico;
  • emorragie interne con le dovute trasfusioni di sangue;
  • correzione valvuloplastica cardiaca.

sincope