accendino

Esiste una correlazione tra l’uomo e il fuoco fin dalla notte dei tempi. Scoprirlo ed imparare a conoscerlo è stato uno dei grandi passi nella catena evolutiva umana. È di fondamentale importanza essere in grado di accendere un fuoco senza accendino o fiammiferi.

Saper accendere un fuoco senza strumenti avanzati come un fiammifero o un accendino, è cruciale per sopravvivere in natura o per un semplice falò con gli amici. Può infatti capitare, che i fiammiferi non si accendino per l’eccessiva umidità o forte vento, oppure che l’accendino faccia cilecca. In queste occasioni, per non restare impreparati, bisogna sapersi adattare con quello che la natura e l’ingegno umano sono in grado di offrire. Saper accendere un fuoco con quello che si ha a disposizione, è un ottima abilità, che può sempre tornare utile per accendere il camino o solo per stupire i vostri amici.

LEGGI ANCHE:  Come aprire una lattina: senza apriscatole e facilmente

Ecco i primi 3 metodi per accendere un fuoco!

fiammiferi

Per ognuno di questi metodi, il primo passo sarà creare con un materiale secco come paglia, fieno o rametti, un fascio circondato da pietre:

Accendere un fuoco con Acciaio e Selce: per questo procedimento, bisogna posizionare un pezzo di cotone carbonizzato su una pietra di selce e strofinare velocemente sul panno la punta di un coltello. È così possibile innescare una scintilla che darà fuoco al cotone. Mettendo il cotone nel fascio e aggiungendo via via rami più grande avrete pronto un bel fuoco da campo.

Accendere un fuoco con un Trapano manuale: questo è uno dei metodi più utilizzati nei film. Per prima cosa, bisogna trovare una base di legno piatta su cui intagliare un piccolo buco che servirà da frizione. Ora bisogna posizionare un po’ di corteccia secca ai lati del foro, servirà successivamente a trasferire il fuoco. Prendete un bastone largo almeno 5 cm e piazzate la punta nel buco creato sulla base. Tenetelo tra i due palmi delle mani e iniziate a farlo ruotare velocemente spingendo verso il basso per creare attrito. Se fatto nel modo giusto, si dovrebbe notare una piccola brace scaturita nel foro, ora bisognerà catturare il fuoco utilizzando la corteccia da posizionare poco dopo nel fascio secco.

Il metodo della Lente di Ingrandimento: siete amanti dei libri e ne avete una sempre a portata di mano? Allora siete fortunati! Utilizzando la lente al contrario è possibile concentrare i raggi solare per generare calore. Inclinando la lente si potrà creare un piccolo cerchio di luce, che in un po’ di tempo, farà prendere fuoco al nostro solito fascetto secco.

LEGGI ANCHE:  Illuminare il giardino senza elettricità: le idee pratiche ed efficaci

Altri 2 modi efficaci per accenderlo al meglio!

 

Per questo metodo occorre una Pila e una Paglietta metallica da cucina: con questo metodo vi sentirete un po’ come MacGyver. Strofinando una pila rettangolare con i due poli sullo stesso lato, su una paglietta metallica sottile, si otterranno delle scintille. Una volta che si sarà abbastanza calda, bisognerà soffiarci sopra per fargli prendere fuoco. Mettetela rapidamente nel fascio ed il gioco è fatto.

Per utilizzare un Arco a trapano bisognerà trovare vari materiali:

  • Un oggetto incavo come una roccia, servirà a fare forza sul trapano;
  • Un ramo ricurvo ad arco resistente;
  • Una stringa per le scarpe;
  • Un ramo che faccia da trapano.

E come nel metodo precedente, bisogna trovare una base di legno piatta su cui praticare un piccolo buco:

  1. Ora si dovrà posizionare un po’ di fascio secco sopra il foro.
  2. Legare la stringa tra le due punte del ramo ad arco.
  3. Arrotolare le stringhe intorno al bastone da trapano.
  4. Posizionare l’oggetto o la roccia incava sopra il trapano.
  5. Muovendo l’arco avanti e indietro, la stringa, farà girare velocemente il trapano nel foro, creando così abbastanza frizione da accendere un piccolo fuoco.
  6. Portare tramite una corteccia secca il fuoco sopra il fascio secco, e otterrete così uno splendido falò.

fuoco