Cosa fare dopo la puntura di una medusa: i migliori rimedi

Simona

Salute e Benessere

Con l’arrivo della bella stagione sorge anche un dubbio: come comportarsi quando si viene punti da una medusa? Ecco i migliori rimedi a prova di puntura.

Le meduse sono delle affascinanti creature appartenenti alla famiglia dei Cnidari. Esse sono note per il loro caratteristico aspetto gelatinoso e trasparente che le rende talvolta invisibili e sontuose in acqua.

Creature composte dal 98% di acqua, tuttavia spesso nascono pericolose insidie. Sono in grado, infatti, di sferrare poderose punture pericolosissime per l’uomo. Ecco come comportarsi e quali sono i migliori rimedi contro la puntura delle meduse.

Puntura di medusa: cosa fare e quali sono i migliori rimedi

Puntura di medusa: cosa fare

I tentacoli delle meduse sono composti essenzialmente da capsule: all’interno vi si trova un veleno iniettato nella vittima dal filamento. Il morso sull’uomo brucia quasi quanto un’ustione: non è il tentacolo a causare il dolore ma le tossine del veleno iniettato.


LEGGI ANCHE: Cosa fare in caso di ferite a mare: le mosse giuste


E’ proprio il bruciore, infatti, uno dei principali sintomi della puntura insieme all’arrossamento e all’irritazione della pelle. Scomparso il bruciore inizia il fastidio insostenibile dell’irritazione e del formicolio accompagnato dal gonfiore della zona.

Spesso, inoltre, queste punture possono causare delle reazioni molto più gravi come il vomito, la nausea, la febbre e le vertigini: la comparsa di tali sintomi, soprattutto nei bambini, rende necessario l’intervento medico.

Come comportarsi e quali rimedi adottare?

La prima cosa fa dare appena si avverte la puntura di una medusa in mare è quella di ritornare immediatamente a riva cercando di mantenere il più possibile la calma. Successivamente bisognerà controllare che non ci siano ancora parti di medusa rimaste attaccate alla ferita.

Il primo rimedio, dunque, prevede un abbondante risciacquo della zona con acqua di mare: ricordate, è importante che non sia acqua dolce! Questo rimedio, infatti, aiuterà a diluire le tossine.


LEGGI ANCHE: Allergia al polline: quali alimenti non si devono consumare


Il prossimo passo da fare è quello di applicare una crema gel al cloruro di alluminio al 5%: servirà a lenire il prurito e a calmare l’irritazione. 

Ricordate che se doveste avvertire sintomi più severi, sarà necessario recarsi immediatamente al Pronto Soccorso.

Puntura di medusa: cosa fare

Gestione cookie