Mascherine ad ottobre, la nuova stagione cambia tutto

Tutto cambia di nuovo in materie di restrizioni in campo Covid e una notizia importante sotto questo punto di vista arriva in tema di mascherine. Ecco cosa succederà dal prossimo mese di ottobre 2022. 

Sono stato stati due anni davvero molto intensi quelli vissuti dagli italiani e non solo, dato che tutte le persone nel mondo hanno dovuto imparare a fare i conti con l’utilizzo della mascherine, distanza di sicurezza, vaccinazioni, quarantene ecc…

Mascherine ottobre - NonSapeviChe

Un nuovo modo di vivere la vita che ha condotto poi il mondo intero ad imparare sì un nuovo modo di vivere, ma allo stesso di “ritornare alla quotidianità” così com’era prima della pandemia mondiale. Infatti nella nazione italiana ecco che arriva una nuova ed importantissima novità.

Mascherine cosa cambia da ottobre

Già nel corso delle ultime settimane sono cambiate numerose cose per i commercianti in Italia che hanno potuto dire addio alle mascherine anche  a vari divisori, così come successo anche nel caso di estetisti e parrucchieri. Una nuova ed importantissima novità riguarda l’uso delle mascherine dal mese di ottobre 2022.

Mascherine ottobre - NonSapeviChe

In particolar modo, sembrerebbe che dal prossimo mese sarà possibile non indossare più le mascherine su autobus, treni e tram mentre rimane l’obbligo di indossarle negli ospedali e nelle Rsa.

Il consiglio dell’esperto

A intervenire sulla questione è stato anche Massimo Galli, così come reso noto anche dall’Adnkronos, sezione Salute, il quale ha cercato di fare luce, così, sul modo in cui le mascherine andrebbero invece usate adesso che i principali obblighi sono decaduti ufficialmente.

Mascherine ottobre - NonSapeviChe

Galli, direttore del reparto di Malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano, sull’uso delle mascherine ha rilasciato la seguente dichiarazione: “Mantenere la mascherina sugli autobus, e in generale sul trasporto pubblico, ma ancora di più negli ospedali resta una precauzione utile, una misura di civiltà a fronte di una pandemia che non è ancora finita e di cui, al momento, non possiamo prevedere l’evoluzione delle prossime settimane”.