Covid e scuola come si viene ammessi in classe, anche con il raffreddore

Covid e scuola come si viene ammessi in classe, anche con il raffreddore per questo nuovo anno 2022/2023, Le nuove disposizioni i merito.

Arrivano le nuove regole per quanto riguarda il nuovo anno scolastico 2022/2023 in merito alla pandemia da Covid 19. Lo scorso anno e quello precedente sono stati caratterizzati da banchi singoli e mascherine sul volto, ma dal Governo arrivano le nuove disposizioni sul come affrontare il nuovo anno scolastico non solo per quale che concerne la prevenzione, ma anche se ci si trova dinanzi a soggetti raffreddati.

Covid e scuola come si viene ammessi in classe, anche con il raffreddore

Le nuove regola saranno basate su una adeguata preparazione comportamentale e sulle misure da adottare al bisogno. Il documento su cui vengono evidenziate le disposizioni, riguarda le scuole del primo e del secondo ciclo di istruzione, ed è stato messo a punto dall’Istituto superiore di sanità, con i ministeri della Salute e dell’Istruzione e la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome.

Cosa propone il testo?

Nel testo troviamo inserite tutte quelle che saranno le misure preventive inerenti la propagazione del contagio del SarsCov2 tenendo conto dell’attuale quadro ponendo in campo ulteriori interventi da modulare progressivamente in base alla valutazione del rischio e al possibile cambiamento del quadro epidemiologico. Nelle indicazioni viene fatta una distinzione tra misure standard di prevenzione da garantire per l’inizio dell’anno scolastico e possibili ulteriori interventi da valutare nel corso del tempo in base alla valutazione del rischio.

Covid, uscite le linee guida per il rientro a scuola di settembre

Gli studenti che presenteranno dei sintomi di compromissione respiratoria lieve senza febbre, frequenteranno in presenza utilizzando le mascherine FFP2 fino a che i sintomi non saranno del tutto spariti. Adeguata igiene delle mani è alla base. Viene specificato che “soprattutto nei bambini, la sola rinorrea è condizione frequente” e di fatto ciò “non può essere sempre motivo in sé di non frequenza o allontanamento dalla scuola in assenza di febbre“. In caso contrario, in presenza di febbre, non sarà possibile restare a scuola, ovvero con temperatura corporea oltre i 37,5 °. Altri sintomi che non consentono il permanere a scuola sono quelli respiratori acuti come tosse e raffreddore con difficoltà respiratoria; vomito; diarrea; perdita del gusto; perdita dell’olfatto; cefalea intensa. Sottinteso che con test di esito positivo non sarà possibile rientrare a scuola.