Colesterolo e cioccolato, siete certi che non potete mangiarlo?

Colesterolo e cioccolato, siete certi che non potete mangiarlo? Ecco cosa dice la ricerca

Il cioccolato è uno dei “peccati di gola” più amati da adulti e bambini. Impossibile resistergli. Tutti pensano però che non si tratta di un elemento troppo salutare. E’ la verità? Non esattamente. Se è vero infatti che il cioccolato particolarmente raffinato, lavorato e dolce sia molto calorico, e sia quindi meglio non esagerare, è anche vero che il cioccolato più puro, quello fondente, ha dei vantaggi notevoli per la nostra salute.

Secondo diversi studi infatti il cioccolato fondente avrebbe il potere di fare abbassare il colesterolo con grandi benefici per il nostro apparato cardiocircolatorio. Questo non significa che si debba esagerare, va comunque infatti mangiato con moderazione. Consumato nelle giuste il cioccolato dosi può però essere davvero benefico.

Cioccolato fondente e colesterolo: si può mangiare? ecco la verità

Il cioccolato fondente, come detto, se consumato abbassa il valori delle lipoproteine a bassa densità (LDL), anche noto come colesterolo cattivo, e del colesterolo totale nel breve periodo.

Su un numero della rivista European Journal of Clinical Nutrition sono stati illustrati i dati di una importante ricerca. 320 persone che hanno partecipato agli studi hanno integrato il cioccolato nelle loro diete per un periodo che va dalle 2 alle 12 settimane. E’ stato riscontrato, appunto, che il consumo di cioccolato fondente abbia risotto in maniera significativa i valori di Ldl e di colesterolo totale.

Di conseguenza, chi mangia con regolarità il cioccolato fondente potrebbe avere un minore rischio di sviluppare malattie cardiache. Il colesterolo cattivo infatti rimane nella parete delle arterie limitando il passaggio di ossigeno e restringendo il vaso sanguigno, creando una situazione di pericolo. Migliorando la pressione sanguigna e abbassando i valori del colesterolo alto si abbasserebbe questo rischio.

Nel cioccolato fondente infatti sono presenti i flavanoli, che stimolano la produzione di una sostanza che aiuta la dilatazione dei vasi sanguigni, chiamato ossido nitrico nel corpo. In questo modo il flusso sanguigno viene migliorato e viene abbassata la pressione.

nel cioccolato fondente sono poi presenti anche polifenoli e teobromina, anche essi utili per abbassare i livelli di colesterolo lipoproteico a bassa densità (LDL) e aumentare i livelli di colesterolo lipoproteico ad alta densità (HDL). Il cioccolato fondente, insomma, è un vero alleato del nostro cuore