Long Covid perchè uomini e donne hanno sintomi diversi

Long Covid perchè uomini e donne hanno sintomi diversi è uno dei temi che si stanno affrontando.

Mettere in relazione le differenze di sesso rispetto al Covid diviene fonte di studio in senso di sfida per la medicina stessa. Negli anni della pandemia sono stati moltissimi i dubbi da parte non solo della popolazione all’oscuro dei fattori scientifici che potevano riguardare il virus SarsCov 2 e le sue possibili conseguenze e evoluzioni.

Long Covid perchè uomini e donne hanno sintomi diversi

Ma la scienza ha comunque proseguito nei suoi passi con notevole rapidità. la questione inerente i vaccini, poco condivisa da alcuni, essenziale per altri è stato uno dei punto che maggiormente ha spaccato  l’opinione pubblica ma che ha comunque ha posto un tassello importante sull’evoluzione scientifica in ambito.

Long Covid perchè uomini e donne hanno sintomi diversi

Stando ai dati pubblicati sulla rivista “Current Medical Research and Opinion”, l’Istituto Superiore di Sanità ha appena pubblicato la prima mappa dei centri per il trattamento del Long-Covid. Sulle differenze di sintomi tra uomini e donne, i 35 studi, delle ricercatrici della Johnson & Johnson hanno evidenziato una distinzione tra coloro che erano alle prese con le sequele dell’infezione da chi poteva essere definito affetto da Long-Covid. I sintomi riscontrati nelle donne  si rifanno in particolare alla stanchezza cronica, sintomi a carico dei muscoli e dell’ossa, ansia, depressione, problemi respiratori, perdita dell’olfatto e alterazione del gusto. Per gli uomini, invece, si parla di insufficienza renale acuta, problemi di natura endocrina, disturbi gastrointestinali e riduzione del numero delle piastrine nel sangue.

rimborsi tamponi e test covid, possibili se sullo scontrino compare questo 11072022 Nonsapeviche

“La nostra esperienza, su oltre 500 pazienti, porta a confermare quanto emerso dalla metanalisi in più, tra le donne, stiamo riscontrando un’aumentata incidenza di problematiche gastrointestinali: come la dispepsia funzionale e la sindrome del colon irritabile”, dichiara l’internista Leonilde Bonfrate, del policlinico di Bari. “Nel loro caso la risposta immunitaria innata è più immediata. Questo permette di fronteggiare prima e meglio l’infezione. Ma lascia probabilmente uno strascico nel tempo”.

Una cosa è chiara, un numero significativo di persone entrate a contatto con Sars-CoV-2 vede persistere alcuni sintomi anche per diversi mesi, dall’uscita del tunnel del Covid. Ma quali sono i sintomi del long Covid? Fame d’aria, astenia, dolori muscolari e articolari, perdita di gusto e olfatto, ma anche neurologici e psichiatrici come ansia, depressione, difficoltà di concentrazione e attenzione, perdita di memoria, disturbo post-traumatico da stress.