Il covid continua a mutare in nuove varianti, arriva l’Omicron 5, estate a rischio, ecco tutto quello che c’è da sapere e quali sono i sintomi da conoscere.

L’estate è le vacanze sono quello che diciamo un pó tutti desideriamo e speriamo che arrivi presto, certo il covid continua ancora a preoccuparci, purtroppo non ci sono buone notizie in merito, arriva infatti una nuova variante, l’Omicron 5 che sembra destare negli esperti non poche preoccupazioni. A rischio maggiore ci sono ovviamente le persone fragili e gli immunocompromessi e per loro ci sono dei consigli che vanno oltre le regole presenti.

omicron 5 i sintomi

Si sa che ormai l’obbligo di mascherina non c’è, tranne che sui mezzi di trasporto (escluso l’aereo) e nelle strutture sanitarie, ma gli esperti consigliano a chi é a rischio e chi li assiste di continuare ad usare queste norme di sicurezza, dato che la nuova variante sta già aumentando il numero di contagi anche in Italia.

Quali sono i sintomi e come riconoscerli

Secondo gli esperti l’Omicron 5 non varia di molto con i sintomi della 4 e le scorse varianti passate, molto contagiosa sicuramente ma di certo i sintomi sono davvero lievi e di poca durata. Sono infatti, nei soggetti con copertura vaccinale appena 4 giorni e si presenta come una normale influenza, con semplice naso che cola, tosse, raffreddore e mal di gola, ma in alcuni casi é stato segnalato un affaticamento persistente, febbre tosse e mal di gola molto forti. Gli studiosi però ci tengono a precisare che per chi non é vaccinato, i sintomi possono sicuramente presentarsi in modo differente, persistere o aggravarsi a seconda dei soggetti.

 

estate, i consigli contro la nuova variante

Gli esperti ci tengono a precisare, inoltre che in quanto a sintomi è contagi quest’ultima variante da le sue preoccupazioni, in quanto ha comunque una letalità alta, pur essendo apparentemente innocua, motivo per cui é meglio sempre non abbassare la guardia.

Avvertenze degli esperti

Gli esperti come sempre consigliano per chi non é vaccinato di farlo il prima possibile evitando evoluzioni o complicazioni e in estate di non abbassare la guardia, prestare comunque attenzione aldilà delle nuove normative, in questo modo si potranno limitare i contagi.