In vista della stagione estiva 2022 ecco che torna la possibilità di chiedere sconti su soggiorni e viaggi: ecco a quanto ammonta il risparmio e quali sono i requisiti per chiedere tale incentivo.

Gli ultimi due anni causa anche la pandemia da Coronavirus il turismo ha ricevuto un’impennata negativa vedendo diminuire notevolmente le persone che decidono di andare in vacanza, per diversi motivi: la paura del virus e anche la difficoltà economica innescata dalla crisi globale.

Sulla base di tale motivazione anche la squadra di Governo capitanata da Mario Draghi ha confermato il ritorno belle spiegate del Bonus Vacanza arricchito con diverse modalità rispetto agli anni precedenti, insieme a nuovi requisiti per coloro che ne hanno diritto.

Sconto soggiorni e vacanze 2022: in cosa consiste

Così com’è avvenuto negli anni precedenti, il Bonus Vacanze prevede una scontistica che arriva fino a circa il 50% per coloro che ne hanno il diritto. In particolar modo, facciamo riferimento ad un piano di sconti ai quali poter fare affidamento a seconda della composizione del nucleo familiare e dei minori a carico.

Dunque, la defalcazione dal costo complessivo della vacanza dipende da diversi fattori e deve essere accettata da una struttura che a sua volta ha deciso di aderire al piano bonus previsto dal Governo italiano. Il tutto, comunque sia, non finisce qui.

A chi spetta il Bonus Vacanza?

Dal 2022 sarà possibile preparare la propria documentazione in riferimento al Bonus Vacanza anche attraverso l’applicazione Io Italia, qui infatti troverete tutto ciò che necessario per far affidamento tale incentivo economico e condividere in modo diretto i propri dati e quelli del nucleo familiare. In caso contrario potrete sempre fare affidamento ad un patronato caf che curi per voi la pratica.

A ogni modo, è bene ricordare che gli aventi diritto al Bonus Vacanza sono coloro che non superano la soglia minima del reddito prevista dal modello Isee, in ogni caso a seconda della documentazione presentata esistono vari step di scontistiche messe a disposizione che arrivano fino al circa il 50% della scontistica prevista per la vacanza che il nucleo familiare richiedente intende effettuare.