La celiachia è un disturbo piuttosto diffuso e si manifesta con una serie di disturbi. Non tutti sanno che tra questi ci possono essere anche quelli che interessano la bocca. Scopriamo insieme quali sono.

La celiachia è un’infiammazione di natura cronica che colpisce l’intestino tenue e si manifesta nelle persone che presentano una predisposizione genetica. A provocarla è una reazione del sistema immunitario che finisce per aggredire l’organismo stesso.

Celiachia si può scoprire anche dalla bocca, quali sono i primi segnali

Ciò detto, il predetto disturbo può manifestarsi sottoforma di vari disturbi. A tal proposito, ci sono alcuni che possono riguardare la bocca. Scopriamo insieme quali sono.

Celiachia: ecco perchè bisogna fare attenzione alla bocca

Celiachia si può scoprire anche dalla bocca, quali sono i primi segnali

Molte persone ignorano il fatto che la celiachia può manifestarsi sottoforma di disturbi che interessano la bocca. Spesso, di fatti, è possibile notare l’insorgere di afte come anche di macchi sui denti. Si tratta di veri e propri campanelli d’allarme che non devono essere assolutamente sottovalutati. In particolare, il direttore dell’Unità Operativa di Nutrizione dell’Iss, Marco Silano, ha spiegato che l’infiammazione in questione può riguardare ogni tipo di organo, non a caso, può manifestarsi come un’infiammazione di tipo autoimmune delle mucose, anche della bocca.

A tal proposito, i dentisti possono svolgere un ruolo molto importante in quanto possono segnalare al paziente l’eventuale presenza di anomalie quali ad esempio macchie di colore bianco sui denti. La causa è da ricercare nel fatto che l’infiammazione generata dal disturbo in questione finisce per andare ad intaccare le cellule responsabili della produzione dei cristalli di cui è composto lo smalto.

Da uno studio scientifico, peraltro, è emerso le presente anomali sono presenti tra il 10% e il 90% dei pazienti affetti da celiachia soprattutto nei bambini. Oltre a problematiche legate allo smalto poi è stata notata una certa ricorrenza di altri disturbi legati alla bocca come, ad esempio, la parodontite così come le afte. Com’è ovvio, si tratta di studi che devono essere ulteriormente approfonditi tuttavia i dati fino ad ora raccolti indicano un andamento che merita di essere preso in considerazione. Ad ogni modo, in base a quanto detto, è molto importante prestare attenzione a questi sintomi dal momento che possono celare problemi più seri come, ad esempio, la celiachia.