Sei un tipo dinamico, avventuroso e amante del rischio? Ti proponiamo allora di dormire gratuitamente in montagna, ma attenzione é un invito solo per turisti coraggiosi. Ecco dove si trova il posto tanto richiesto.

Sapevi che esiste un posto dove poter dormire gratuitamente? Si trova in montagna ma attenzione é solo per turisti coraggiosi e che hanno uno spirito avventuriero. Un posto adatto a chi ha voglia di provare davvero tutto nella vita, ideale per dimenticarsi di tutti i problemi e pensieri. Ecco dove si trova.

Rifugio Luca Vuerich

Il Rifugio di Luca Vuerich é il posto più assurdo che probabilmente hai mai visto in vita tua. Si trova tra le rocce nelle alpi del Friuli. Con il termine “bivacco” ci si riferisce ad una struttura incustodita ad uso degli alpinisti per rifugio e pernottamento e si trova ad un’altezza di 2531 metri. Il bivacco é dedicato alla memoria dell’alpinista Luca Vuerich scomparso prematuramente.

I benefici del rifugio

Certo arrivarci é una vera impresa che non tutti possono fare, ma una volta arrivati lì il premio è quello di godersi un alloggio che di sicuro é unico nel suo genere. Intorno solo monti, aria pulita e fresca. Si può davvero godere dei benefici della natura incontaminata, ammirare tanta maestosità e di notte un cielo stellato come mai visto prima.

i privilegi della natura

Tutto ciò che serve é un semplicissimo sacco a pelo e provviste per tutto il tempo che volete pernottare, certo dopo tanta fatica per arrivarci, é giusto decidere quanto volerci stare senza fretta. La natura e il cielo saranno le vostre uniche amiche uno spettacolo non solo da ammirare ma che rigenera corpo e mente.

Come arrivarci

Partendo da Sella Nevea proseguire in auto per i Piani del Montasio, dopo 6 km circa si incontra un parcheggio dove lasciare la macchina. Dal parcheggio bisogna poi seguire le indicazioni per il rifugio G. di Brazzà (1660 m); dopo averlo raggiunto, salire lungo il sentiero che conduce alla Cima di Terrarossa. Sotto la Cima, proseguire in direzione Forca de lis Sieris; una volta alla Forca, il sentiero diventa più impegnativo (inizio ferrata) sino all’arrivo, la vetta panoramica del Foronon del Buinz, dove è situato il bivacco. Il dislivello é di 979 m e il periodo dell’anno migliore per provare questa impresa é da metà giugno a metà settembre.

percorso

E voi cosa ne dite? Volete lanciarvi in questa strepitosa avventura? Mi raccomando solo esperti, di certo non é un posto adatto a tutti. Buona avventura.