Dopo la sentenza della corte costituzionale in arrivo nuovi aumenti sulle pensioni di invalidità. Cosa devi sapere

La Corte Costituzionale in una sentenza del 2020 si era espresso in modo netto sulla cifra garantita dallo stato agli invalidi, la così detta pensione d’invalidità. Attualmente questa cifra è fissata a 291,98 euro, troppo pochi secondo l’istituzione. “L’importo mensile della pensione di inabilità, di attuali euro 286,81, è innegabilmente, e manifestamente, insufficiente ad assicurare agli interessati il “minimo vitale” e non rispetta, dunque, il limite invalicabile del nucleo essenziale e indefettibile del diritto al mantenimento, garantito ad ogni cittadino inabile al lavoro dall’art. 38, primo comma, Cost.” si legge nella sentenza.

Per questo nel Def, Documento di Economia e Finanza, che indica la programmazione economica-finanziaria del paese, si è predisposto un decreto legge che adegui e aumenti la cifra delle pensioni di invalidità. Da tempo ormai viene atteso questo intervento, necessario per venire incontro alle necessità degli invalidi e delle loro famiglie.  A comunicarlo è stata la ministra per le disabilità, Erika Stefani. “Abbiamo fortemente voluto tale misura che è intenzionata anche a recepire la sentenza n. 152 della Corte Costituzionale del 23 giugno 2020, la quale ha precisato che un assegno mensile di circa 286 euro è inadeguato” ha detti in un comunicato stampa.  “Il mondo delle disabilità attende da tempo tale intervento, che viene incontro alle necessità di tante persone alle quali dovevamo le giuste attenzioni nei provvedimenti urgenti legati alla decisione di Bilancio”

La Legge di Bilancio 2020 e il nuovo incremento: quello che devi sapere

Già la Legge di Bilancio 2020 aveva previsto un incremento dei trattamenti pensionistici in seguito alla sentenza della corte  “a favore dei soggetti di età pari o superiore a settanta anni e fino a garantire un reddito proprio pari a 516,46 euro al mese per tredici mensilità“. Incremento che poi è divenuto noto come “incremento al milione“. Il beneficio viene riconosciuto se si rispetteranno i requisiti di reddito di 8.583,51 in caso si tratti di un pensionato senza nucleo familiare con più persone, e di 14.662,96 euro per un pensionato coniugato. Per il 2022 la maggiorazione mensile garantita sarà di euro 368,58, mentre l’importo della pensione di invalidità in seguito alla rivalutazione fatta a inizio anno è di 291,69 euro. Il totale della pensione di invalidità per chi accede all’incremento al milione è di 660,27 euro mensili per il 2022, per 13 mensilità.

Il nuovo incremento sarà indipendente dall’incremento al milione questo e verrà riconosciuto d’ufficio, senza che chi deve riceverlo debba fare altro. Al momento non si conoscono ancora le modalità dell’aumento, i criteri con il quale verrà dato e nemmeno la cifra. Si attendono maggiori notizie in seguito.