La Gioconda di Leonardo da Vinci è uno dei quadri più enigmatici della storia dell’arte. Un mistero però è stato svelato

La Gioconda di Leonardo da Vinci, anche nota come Monna Lisa, è uno dei quadri più famosi al mondo, oltre che uno dei più visitati. Circa 30.000 visitatori giornalieri entrano al museo Louvre, a Parigi, dove è custodito, per ammirarlo. Il quadro è di piccole dimensioni, nonostante questo continua ormai da secoli a rapire l’attenzione di chi ci si trova davanti. Non soltanto per la maestria e la bravura del genio toscano, ma anche per l’alone di mistero che riveste il celebre ritratto di donna.

La Gioconda di Leonardo da Vinci è il quadro più misterioso della steoria. la scoperta incredibile

Il sorriso accennato, il tratto di Leonardo, quale sia il paesaggio alle spalle della donna, ma soprattutto il dubbio amletico su chi sia la donna ritratta dal maestro. Per secoli si è cercato di dare risposte e di svelare il mistero che avvolge il quadro.

Svelato uno dei misteri della Gioconda: ecco qual è il paese ritratto nel quadro

La Gioconda di Leonardo da Vinci è il quadro più misterioso della steoria. la scoperta incredibile

Alcuni recenti ricerche scientifiche sembrano potere aver dato risposta ad uno di questi quesiti. Sarebbe infatti stato svelato quale sia il paese raffigurato nel dipinto. Si tratterebbe di Bobbio, in provincia di Piacenza. Il borgo, sulle sponde dell’omonimo fiume, è tutt’oggi uno dei più apprezzati in Itala e mantiene ancora quel fascino medievale, sintomo dell’importanza rivestita al tempo. Nel cinquecento era infatti famoso per l’abazia che sorgeva nella città. Adesso alla sua importanza storica e al fascino medievale Bobbio potrebbe aggiungere un nuovo riconoscimento, quello di essere il teatro del ritratto più famoso della storia dell’arte.

La vista riprodotta nel quadro sembrerebbe essere proprio quella del paese, direttamente dal Castello Malaspina Dal Verme. La ricercatrice Carla Glori già in passato aveva ipotizzato che il paese potesse proprio essere Bobbio. Adesso sembrerebbe proprio essere arrivata la conferma. Un gruppo di scienziati ha infatti accertato la presenza di Leonardo da Vinci a Pierfrancesco di Gropparello, vicino a Bobbio, proprio ad inizio 1500, quando è stato realizzato l’importante dipinto.

Il gruppo è stato guidato da Andrea Baucon dell’Università di Genova e Gerolamo Lo Russo del Museo di Storia Naturale di Piacenza. Sono stati analizzate le tracce fossili delle impronte di esseri viventi del passato, e questo ha portato alla scoperta della presenza dell’artista nell’area di Bobbio. Che sia il primo passo verso la risoluzione del più grande mistero della storia dell’arte?