Un nuovo virus che uccide, il portatore è una zecca, ecco cosa sappiamo

Un nuovo virus trasmesso dalle zecche mette in allarme gli Stati Uniti. I sintomi della malattia che ha portato alla morte un uomo

Un nuovo virus sta mettendo paura agli Stati Uniti. Nel Maine, nel nord -est del paese, è stato rilevato un caso di decesso dovuto al virus Powassan. La notizia è stata riportata dal Maine Center for Disease Control and Prevention (CDC), l’organizzazione sanitaria locale.

un nuovo virus che uccide, il portartore è una zecca, ecco cosa sappiamo

La persona sarebbe stata infettata in seguito al morso di una zecca a sua volta infetta. Il virus infatti può essere trasmesso all’uomo tramite zecche di cervo, di marmotta o di scoiattolo infette. Per questo le autorità locali hanno invitato turisti e visitatori a tenere alta la guardia e a stare attenti alle zecche, particolarmente attive in questo periodo.

Virus della zecca, allarme negli Stati Uniti. I sintomi della malattia

un nuovo virus che uccide, il portartore è una zecca, ecco cosa sappiamo

Se sino ad ora il virus della zecca è stato sotto controllo, con appena 44 casi rilevati tra il 2011 e il 2015, il calo degli ultimi anni porta comunque a non sottovalutare il problema e a tenere alta la soglia dell’attenzione. Dal 2016 al 2020 sono stati infatti 134 i casi di Powassan. Anche i casi generali di malattie trasmesse da zecche sono segnalate in aumento, con un raddoppio tra il 2004 e il 2019. Si è passati infatti da 22.527 casi nel 2004 ai più di 50.000 nel 2019.

Bastano solo 15 minuti per contrarre il virus dopo il morso di zecca. Un tempo molto veloce. Fortunatamente però l’infezione non è trasmissibile tra umani. Non so può contrarre quindi con tosse, starnuti o avendo contatti con il malato.

Per quanto riguarda la sintomatologia del virus, questo in molti casi si presenta silente. Molti pazienti sono del tutto asintomatici. Nella maggioranza dei casi però il virus si presenta con  febbre, mal di testa, vomito e debolezza. Nei casi peggiori il virus può sfociare in problemi neurologici, come encefalite (l’infezione del cervello) o meningite (l’infezione delle membrane attorno al cervello). Un quadro clinico grave presenta tra i sintomi confusione, convulsioni, sino a perdita di memoria e, nei casi peggiori, morte.

Purtroppo al momento non sono ancora stati studiati vaccini specifici e farmaci che possano contrastare il virus. Coloro che presentano sintomi gravi sono costretti a ricorre a cure ospedaliere, e nei casi peggiori a supporti per la respirazione. Per questo è importante prestare attenzione e non sottovalutare il problema rappresentato dal morso delle zecche.

Meglio non addentrarsi dove l’erba è alta, e quando si fanno escursioni utilizzare abiti chiari per potere individuare le zecche, e quando si rientra a casa controllare attentamente di non avere portato con sé nessuno di questi fastidiosi animali.