Bonus zanzariere 2022: come si risparmia il 50% e quali i criteri per ottenere lo sconto

Importanti novità in concomitanza con l’arrivo dell’estate, si tratta del Bonus 2022 per le zanzariere. Un particolare tipo di incentivo economico previsto per gli italiani e che rientra in determinati parametri. Ecco di cosa si tratta nello specifico.

L’anno corrente può essere davvero definito l’anno dei Bonus, soprattutto se consideriamo l’attuazione del Super Bonus 110% che ha messo numerosi italiani nelle condizioni di realizzare varie opere di ristrutturazione e ricostruzione dei loro immobili. In questo calderone, inoltre, rientrano anche una lunga serie di incentivi economici volti anche al mantenimento del nucleo familiare, insieme a quelli che prevedono un cospicuo rimborso spese nel caso in cui in casa siano stati effettuati dei lavori idraulici che hanno permesso un ingente risparmio in termini di consumo di acqua.

Bonus zanzariere - NonSapeviChe

Un’importante novità, però, è arrivata insieme al Bonus zanzariere che ha subito innescato la curiosità da parte degli italiani che, in tal senso, sono ben disposti a rivedere in questa chiave anche le loro abitazioni.

Bonus zanzariere 2022: in cosa consiste?

La diffusione della notizia relativa al Bonus zanzariere previsto per il 2022 ha subito catturato l’attenzione degli italiani, già a lavoro per capire se e come poter usufruire della detrazione fiscale proposta dalla squadra di Governo e inserita nella Legge di Bilancio.

Bonus zanzariere - NonSapeviChe

Si tratta, quindi, di una tipologia di lavori che rientra tra le casistiche previste nell’ecobonus e che prevede uno sgravio fiscale per i lavori di efficientamento energetico che possono arrivare fino al 50%. Il caso di riferimento per le zanzariere è quello delle schermature solari, ovvero dispositivi che hanno la capacità di “schermare” la luce del sole, fissate in modo stabile, migliorando così l’efficienza energetica dell’immobile e, inoltre, devono essere provviste di marcatura CE.

Come richiedere il nuovo Bonus?

Il Bonus zanzariere, quindi, incontra dei limiti non indifferenti per coloro che intendono farne accesso, questo, infatti, non può essere richiesto nel caso di costruzione di un nuovo immobile. Inoltre, è bene precisare che il Bonus in questione consiste in una detrazione fiscale che punta alla riduzione delle imposte Irpef o Ires per un importo pari al 50% della spesa sostenuta, in relazione sempre all’acquisto e istallazione delle zanzariere, compresa anche la rimozione delle preesistenti. Altro aspetto non indifferente, inoltre, riguarda la detrazione dell’onorario del professionista che si occupa della pratica Enea.

Dunque, durante l’anno corrente è possibile prevedere alla detrazione degli investimenti sul piano energetico per un tetto massimo di spesa di 60mila euro, con una detrazione Irpef suddivisa in dieci rate di pari importo che può essere suddivise per i successivi 10 anni.

Bonus zanzariere - NonSapeviChe

Infine, è bene ricordare che per avere accesso al Bonus zanzariere il richiedente deve inoltrare la documentazione relativa ai dati dell’intervento all’Enea. Requisito importante in tal senso, riguarda il beneficiario della detrazione fiscale che deve aver già provveduto all’intervento entro 90 giorni del termine dei lavori o dall’avvenuto collaudo.